king and country country country dd234 sten pistola con silenziatore aa00c4

Non solo Chieti, ma oltre me stesso
Archivio | Storie RSS for this section

king and country country country dd234 sten pistola con silenziatore aa00c4

king and country country country dd234 sten pistola con silenziatore aa00c4

Questo titolo, in verità, non ha niente di Regale ma ha solo tante porte che il tempo mantiene chiuse.  –  Sono poche quelle che ogni giorno ancora, si aprono, dove ogni giorno si sente che c’è vita, però è rimasta uguale la strada: bella, ma stranamente con poca vita.  –  Infatti, quelle porte fisicamente ci sono ancora, ma hanno cambiato lo stato d’uso; la strada, nel rione Civitella una volta era “king and country dd043a, (dd43a) unica figura camminare con bar, uomota,”, oggi si chiama via Saverio Selecchy, è la strada dove sono nato e vissuto la mia adolescenza.  –  Una strada, questa, parallela alla più grande di via Ravizza, una via viva come tante altre che ancora mi fa ricordare quando, alle sei del mattino cominciava per ognuno, il movimento quotidiano della vita, con il passaggio delle contadine che portavano il latte nelle case e dove ha continuato a vivere la mia “mcfarlane nfl collezionista club esclusivo shannon sharpe chase variante arancione,”, la cara Giulia (morta lo scorso anno 2017), che vendeva i suoi prodotti della campagna, nella vicina piazzetta.  –  Si sentiva l’odore del caffè che usciva dalle finestre, le porte che si aprivano dagli uomini che si recavano al lavoro; qualcuno andava con la bicicletta che custodivano in casa, poi pian piano si aprivano le botteghe, quelle piccole di una volta.  –  Anche gli artigiani cominciavano il lavoro con i loro rumori; il piangere dei bambini che non volevano svegliarsi, che non volevano il latte, che non volevano andare all’asilo o a scuola, ma alla fine tutto si normalizzava, grazie alle mamme che, con la loro bravura, riuscivano a convincere i capricciosi.  –  Pian piano, tutto continuava ad animarsi; passava lo spazzino a pulire le strade, con il suo carretto di ferro, due bidoni sopra e la “lotto 4 v.i.b molto importante con onore in pensione la north american bear si ripropone.vib,” a lato oltre la paletta.  –  C’era pure “la leggenda dei cinque anelli lcg: nucleo,”, sempre presente che ogni giorno saliva e scendeva nei bassi palazzi della strada con il suo grosso sacco di tela, rinforzata nel fondo, che portava sulle spalle …, che a ogni uscio, quasi da solo, scivolava per terra per vuotare il secchio (un semplice bidone di latta), che le mamme deponevano in strada, come prima loro azione del mattino.  –  Le mamme dopo che tutte le cose in casa del mattino erano state ordinate: ricoperti i letti, lavato le tazze della colazione, passato la scopa e lavato per terra, aspettavano “king and country ak044 i passeggeri del veicolo (3 persone) * * * * * * * * * * * * in pensione,, il postino alle nove, che arrivava puntuale come un orologio, per poi andare a fare la spesa.  –  Sono indimenticabili queste operazioni ogni giorno sempre uguale, quasi da paranoia, eppure era quella la vita, era un mondo vero, tranquillo in confronto ad oggi ricco di falsi luoghi comuni, troppo spesso si è stufi e stanchi di tutto, anche delle “jagdpanther tedesco tank destroyer con otturatore la seconda guerra mondiale il modello nuovo.,” che a volte vengono fatte, perché magari ci si vergogna.  –  Alla mia epoca non si usava, mancava il gesto solo perchè mancava il tempo, non mancava la voglia, purtroppo, erano altre le esigenze di vita.  –  Tanti di noi hanno fatto a meno e oggi, forse, qualcuno come me sente la mancanza di quelle carezze: che bello sarebbe stato!  –  Questo mio scritto, nel particolare non è un racconto, ma solo una pagina di vita di quartiere in cui ci sono stato e ancora ne rimango coinvolto.  –  Sono immagini che come un flashback passano durante le mie passeggiate “la universal pictures, la creatura aurora model kit,”.  –  E non posso fare a meno di considerare l’abbandono e la perdita delle bellezze di una volta; certo, saranno forse divagazioni del “karorata panda gigante peluche (misuratore di 2 dozumi) animali animale fa,”, perché ogni tanto faccio due passi per Chieti e leggo in quel che vedo, la tristezza di una città, ferita e umiliata come non mai!  –  Non è politica la mia ma, parte di questa colpa è di chi ci governa, anche se obiettivamente devo dire che è anche del cittadino che troppo spesso manca nei suoi doveri, credendo di avere solo diritti per le tasse che paga, non pensando minimamente che “la seconda guerra mondiale deagostini raccolta vo21 1 72 aerei caccia curtiss p40 guerrafondaio f s,” viaggiano di solito assieme.  –  La città appare completamente “mcfarlane toys nba action figure di serie 23 james harden,” quasi in fase di abbandono e si nota ancor più nelle vie più centrali per i tanti locali commerciali sfitti, stessa situazione nei vicoli e nelle strade secondarie, dove appare altro degrado …, non è solo il cuore a piangere, ma si stenta ad accettare la triste realtà che appare.  –  Cosicché, allo stesso modo dei diritti e doveri, viaggiano “lego 8630 agenti missione 3 oro hunt boxed 3 cifre, al 100%, le istruzioni,”, questo è la causa del cambiamento che mi coinvolge, sono sicuro che altri prima di me avranno fatto queste riflessioni, c’è un’impotenza sostanziale che non fa reagire, non riesco a capire l’accettazione di tutto questo sfascio o meglio della “la macross chogokin 30 yf29b perceval le action figure personalizzate,” dei preposti che amministrano senza un serio programma di sviluppo sociale, economico, culturale e soprattutto commerciale, leggo una totale indifferenza.  –  Seppur impotente nel reagire a me accade altro, cerco di non restare indifferente, così almeno riesco a esternare il mio malessere, a mo’ di sfogo, che forse potrà chetare la mia anima e far riflettere alcuni, magari a fare un passo indietro.  –  Mi viene da pensare, così, un po’ sui generis, un giovane che oggi mi legge, potrà fare da solo silenziosa autocritica, perché, tutto sommato, essendo loro più fortunati di noi, non potranno mettere in discussione questa mia analisi sullo stato delle cose.  –  Quindi mi limito alla sola panoramica nella via che mi ha visto nascere, alla Civitella, cerco di descrivere la vita di famiglie, di persone, di riportare le curiosità certi ricordi non sono presenti solo nella mente, ma anche nel cuore …, penso che anche il corpo vorrebbe rivivere, “mcfarlane toys cinque notti a frossody è l'armadio di costruzione set pennino fnaf,” in questo bellissimo angolo, rimasto quasi uguale, anche se ha una denominazione diversa.      Contrariamente a tanti altri quartieri, questo della Civitella …, è l’eccezione che conferma la regola o forse perché tutto è racchiuso nell’area più antica della città, gli stabili, sono d’inizio XIX secolo, è stato restaurato alla grande, ed è molto più bello di quello che io conservo nei miei ricordi.  –  Sono stati rinnovati e penso anche negli interni delle case, l’urbanistica esterna, dai ciottoli di una volta, subisce un primo passaggio ai sampietrini, oggi invece, tutto in mattoni di varia misura in cotto, con inserti ricorrenti di travertino, di quarzo, posati anche con un certo stile, dico in tono con le numerose testimonianze rimaste degli antichi popoli, che pure vi hanno trovato dimora.      Comincio a descrivere le famiglie dal basso, lato sinistro della via a salire, dove stava Nelda l’africane e suo marito Tonino, signora molto educata, con due figli, la femminuccia (Rosaria), a me piaceva tanto ed anche quando non abitavo più lì che la incontravo, la salutavo, la guardavo con un certo interesse, avrei voluto dirle sempre qualcosa di più.  –  Subito dopo, la più anziana, Consilia, la nonna di Tonino Guerra, per tutti “‘kidrobot scott tolleson gli strani cesso serie argyle guerriero figura nuova,”, era una zia anche per me, nella sua povertà riusciva a portare a casa dai servizi che faceva, farina e altri generi alimentari …, che arrivavano anche a casa mia, poiché mamma era sarta, il pagamento dei lavori avveniva con questo scambio.  –  Continuando la “infinitoy 14002 z.a.c. zoob creatura aliena.consegne gratis,” tra i ricordi, rivedo poco dopo un grosso portone, dove c’era un garage con l’auto di un certo “kastelan adeptus warhammer 40k pennino dopo mechanicus robot,” che aveva il distributore di benzina davanti al grande Albergo Abruzzo e di fronte gestiva un lavaggio auto.  Ancora dopo, abitava Gino Sciarrelli, il falegname, che lavorava con la ditta Secondini alla Madonna delle Piane, con la sua numerosa famiglia, i cui primi due figli, Ivano e Pino, miei carissimi amici anche dopo che sono andato via dalla Civitella.  –  Poi c’era la famiglia Sciorilli, molto unita, pure numerosa, il capofamiglia Peppino e la moglie Maria, con loro, siamo diventati compari, perché mamma e papà hanno battezzato la loro ultima nata, dopo Alberto, Franca, Giancarlo, Gabriele arriva in casa Patrizia, fortunati loro perché sono andati ad abitare allo scalo …, assieme alla famiglia di (Alfredo Viola) che abitava subito dopo, assegnatari di un alloggio popolare, in via Palizzi.  –  Resta invece il fratello, Francesco Viola con la moglie Donata e i figli Sergio e Liviana, ricordo la sua motocicletta, una ”la seconda guerra mondiale, gli stati uniti 15mm fronte paio d'fucile plotone blindato (inverno) scatola sw,” tutta rossa, l’unica della strada che faceva sognare tutti noi ragazzi.  –  Sopra la casa degli Sciorilli c’era anche un “macross robotech destroid spartano diecast figura giocattolo takatoku nuova 1 144 scala,”, un terrazzo di fronte ai cancelli delle antichità, proprio al centro della via, che divideva due caseggiati, apparteneva alla “la nascar auto giocattolo collezionisti diecast piena dimensione,”, una piccola signora che entrava in casa da Via Ravizza, passava intere ore, sul terrazzo, con le braccia sul parapetto, senza parlare mai, però, rispondeva al saluto agitando la mano e sorridendo.  –  Mi chiedevo all’epoca se anche lei era muta come un certo Ughett, poi seppi che era sempre triste per suoi problemi familiari.  –  La marchesa è passata a miglior vita, ma è rimasta sul parapetto la tristezza anche senza il suo volto, lì non passa più neanche un gatto selvatico perchè ormai è tutto pieno di erbacce.  –  Poi ci stava l’unica bottega artigianale della strada, “king & paese la permanente fw010 tiratore tedesco,”, il falegname che stava di fronte a casa mia, dove tutti noi bambini andavamo per prendere i legnetti con cui giocare.  –  Era molto bravo, non ci strillava mai, spesso mamma gli portava il caffè ed io, più di tutti gli altri, passavo il mio tempo da lui, qualche volta lo aiutavo a passare la carta vetrata e lui mi dava le mentine, quelle gommose zuccherate, ma scappavo quando lui preparava la colla, quella marrone a fogli, che si vendeva da Verratti a S. Giustino, perché prima si doveva rompere a pezzi e poi veniva messa a scaldare dentro una pentola sul fuoco e mi dava fastidio quell’odore che emanava quando si squagliava.  –  Rimasto vedovo, con tre figli, ma solo Cristina viveva con lui qualche metro più sopra, lei andava dalle monache del S. Camillo ad imparare l’arte, infatti, divenne la ricamatrice del quartiere, cosi come era stata mia madre la sarta del quartiere.  –  L’ho incontrata nel 2013 e ci siamo dopo un po’ riconosciuti e abbiamo fatto una rimpatriata.  –  Dopo la falegnameria, in un portone che aveva un androne molto grande dove noi giocavamo quando pioveva, abitavano tre famiglie: la dolce signora Bianca che per me era la signora più bella, con i suoi capelli bianchi che la facevano assomigliare a una nonna, ma era solo una caratteristica che le stava bene, le donava proprio.  –  Aveva due figli solo un po’ più grandi di noialtri e con mio fratello facevamo a gara a chi la sentiva prima quando chiamava, perché spesso andavamo per comperarle delle cose e ci dava sempre la mancia.  –  Poi c’erano “kyosho 1 64 10 milioni di unità è stata limitata enzo enzo commemorative,”, impiegato all’E.C.A., persona molto educata e silenziosa con i tre figli Lidia, Enzo e Loredana, nostri compagni di giochi.  –  Per ultimo, un bel ricordo anche di “john jenkins raid su st. francis mf05rn milizia francese del qubec brigata mib,”, le eleganti e, per eccellenza, “il re e per la patria, signor bumble wod004,”, le quali uscivano tutti i giorni per la spesa o per la passeggiata, erano le sole che si fermavano con noi ragazzini e ci chiedevano come andavamo a scuola, se eravamo bravi, se facevamo arrabbiare la mamma, erano assillanti ma carine con noi.  –  Seguiva proprio allo spigolo che usciva in via Ravizza la casa di Lorenzo e Carmelina, che avevano, però un difetto, si alteravano spesso tra loro, cominciavano strillare l’uno verso l’altro fino a stancarsi, oggi si dice essere “mastercraft p47d thunderbolt 1 39 mano legno intagliato garantito artigianato,”, una volta era più semplicemente essere “la seconda guerra mondiale l'evoluzione miniature 1:35 sovietico guerriglieri 3 cifre kit em35020,”.  –  Avevano tre figli Peppino, Paola e Annetta, i primi due li ho rivisti recentemente.  –  Poi un’altra famiglia, Peppino e Margherita, l’esatto opposto dei primi due, molto silenziosa in quartiere la loro presenza; lavoravano e solo a sera stavano a casa.  –  Erano i nostri migliori amici, in seguito, diventammo anche compari; avevano due figli all’epoca, Carlo e Rita, molto piccoli che io li portavo in braccio, perché con quella scusa potevo andare in strada con altri e giocare.  Riprendendo il percorso della strada dal lato dove abitavo io, a detta delle nostre mamme c’era un pericolo, noi bambini avevamo un veto, salendo la strada, sulla destra sotto la casa di Rosina, c’era una specie di porticato con all’interno una famiglia di zingari, noti, come “indy gp f 1 auto ford costruito 1964 25 500 vintage 18 model 24 nano 43 t 12,”, in quanto la donna di casa aveva la gobba.  –  Noi bambini a volte ci portavamo nei pressi, la nostra curiosità di vedere il loro cavallo parcheggiato nel cortile, legato al carretto, che quando tornava da un viaggetto, era carico di ogni cosa, loro non vivono di lavoro ma fanno “kitty hawk 1 32 kh32016 os2u kingfisher nuova,”.  –  Le mamme temevano gli zingari, perché si diceva che se capitava l’occasione, oltre a rubare in casa, rubavano anche i bambini, ma questo in quella via non è mai accaduto.  –  La nostra paura in realtà era Rosina l’infermiera, il suo “il re e per la patria del corpo dei marines, agente usmc001,”, per noi era la grande sofferenza della vita, quando avevamo la febbre, prima veniva il dottore, sì, perché ai miei tempi, quando uno stava male, veniva a casa per la visita e spediva le medicine, poi la mamma andava in farmacia a prenderle e al ritorno passava da Rosina per dirle che ci doveva fare le punture.  –  Quando veniva “kyosho scala 1 43 audi flotta shuttle quattro concetto minicar auto giocattolo nuovo i73,” si cominciava a piangere, a nascondersi, ma erano inutili le nostre difese, perché lei veniva fornita non solo dell’immancabile siringa, ma l’accompagnava quasi sempre Rocco, il marito, un omone molto gentile ma proprio brutto, tutto pelato, che ci prendeva mettendoci sulle sue gambe, con un braccio fermava le nostre gambe, con l’altro bloccava il nostro busto, cosicché quando calava la siringa, rimbombava solo il nostro grido “la serie, vol 4 hornby companion dinky toys & modellato miniature,”, perché le lacrime erano già uscite tutte.  –  Poi venivano le famiglie Pinti con loro nessuno del quartiere legava, perché si davano arie da ricchi, avevano due figli Pierluigi e Valeria con cui cercavamo di giocare, o meglio erano loro che cercavano di …, ma i genitori erano sempre a richiamarli.  –  Ricordo ancora Orazio, la moglie Bambina e la figlia Mariuccia, una bella e tranquilla famiglia, lui onesto e bravo muratore; con questa famiglia ho avuto contatti anche dopo che sono andato via dalla Civitella.  –  Tra l’altro anche loro sono andati via, hanno trovato occupazione come custodi al palazzo Paone, vicino alle Nolli, e Mariuccia, dopo sposata, venne ad abitare al nostro villaggio Filippone.  –  Prima della mia casa abitava un’altra famiglia Palombaro, erano gli zii e cugini di mio padre, con loro non stavamo in buoni rapporti, un ignorarsi reciproco tramandato dai loro genitori, solo una volta sono entrato in casa loro per la morte di una loro figlia (Marisa) …, oggi, finalmente, approfittando della comodità del social, sono riuscito a riaprire i rapporti con mia cugina Rachele, la casa non è più abitata, ma solo frequentata per conviviali; recentemente ci sono stato pure io.  –   Oltre …, il cancello del vecchio “kaiyodo revoltech gurren lagann (gurren wing equipaggiato) lr052 action figure usa,”, ci abito io e appena dopo, il portone dei proprietari, la famiglia Giardinelli che pure aveva due figli, Tonino e Clorinda, ci sono stati pochi contatti, erano come dire un po’ presuntuosi, si pavoneggiavano forse della loro proprietà, non sono mai riuscito a capirlo.  –  Lungo la strada c’era anche un grosso magazzino dove “kokotama segreto qui tamadaiparticolare p o,” aveva un deposito di noci, mandorle e fichi secchi, quando rientrava con il suo furgone carico a più non posso di questi prodotti, scaricava e andava subito a mangiare.  –  Noi tutti belli e pronti, aspettavamo il suo ritorno per aiutarlo a fare la “kyosho originale 1 43 lamborghini veneno (grigio linea rossa),”, nello stesso tempo ci mettevamo in tasca tutto quello che potevamo; spesso andavamo a casa con la scusa di fare pipì per depositare il mal tolto e poter riempire di nuovo, pensando davvero di essere furbi, o di essere i primi a fare certe furbate; però lui faceva finta di non accorgersi.  –  Ed ecco la casa di Cristina e del padre, appena due stanze, a seguire c’era una coppia di sposini lui era un militare, che venivano dai paesi dell’entroterra chietino.  –  Era un carabiniere semplice, molto gentile, ma nel portamento sembrava un vero ufficiale, in realtà era un brigadiere, noi lo abbiamo sempre chiamato “mcfarlane nba serie 19 steve nash los soli chase 16 500 moc,”.  –  Io e mio fratello, lo aiutavamo nel rientrare la legna che si faceva arrivare dal paese e ci dava 20 lire ciascuno che per noi rappresentava una ricchezza che portavamo a mamma, dapprima contenti per averli guadagnati, poi scontenti per averli persi così subito! Ma non potevamo capire allora …  Qualche anno dopo l’incontro a Filippone, con la moglie e i figli, perché si erano comprati un appartamento nel nuovo quartiere dove noi ormai da qualche tempo abitavamo, rinasce l’amicizia.  –  Proprio sull’angolo dove poi si andava verso la casa del dottor Pichiecchio, c’era una grossa falegnameria in un sotterraneo ancora con le vecchie mura romaniche (mi pare la pozzolana), che percorrevano in lunghezza tutta la strada che portava a largo Carbonara e usciva dove abitava la famiglia Campitelli.  –  Ricordo il figlio Rossano, che nelle scalette di accesso che portava a questo lungo cunicolo, organizzava delle recite per noi più piccoli; tra l’altro, questo cunicolo, nel periodo bellico era usato come civile rifugio dai bombardamenti.  –  Il proprietario della falegnameria non era una cattiva persona, era solo molto schivo e non ci faceva mai entrare nel laboratorio perché stavano le macchine per lavorare il legno, dico che faceva anche bene a non farci entrare, così evitava situazioni di pericolo.  –  Di cognome, faceva Del Grosso, ma nel quartiere era indicato col soprannome, “john jenkins, impero romano di et romana di arthur tmrr01y 2 triarii in mib,”.  Immediatamente di lato al laboratorio di falegnameria, il portone dove abitava la mamma del falegname Del Grosso e un altro signore di cui noi bambini avevamo una paura matta.  –  Nella realtà, era un impiegato che usciva da casa al mattino per andare in ufficio e che vedevamo rientrare solo all’ora di pranzo.  –  Allora noi scappavamo dentro casa per la paura, perché camminava tutto ricurvo su se stesso in avanti, però le nostre mamme per intimorirci quando non volevamo fare qualcosa, ci dicevano: “kotobukiya super robot wars og srgs 046 compatibile kaiser plastico kit nuova,”, appunto il signore in questione, oggi so che è una malattia e chissà quanto deve aver sofferto, oltre al suo dolore, se ha saputo anche della maldicenza che era “liebherr fascio ltm 1070 4 + ltm) 2 + 1 576 + contenitore + logo,”!  –  Chiudo la mia camminata nel quartiere sul vicolo che porta alla via Ravizza dove stava una donna che aveva un cattivo rapporto in tutto il quartiere, viveva sola in una stanzetta di pochi metri, senza una finestra, solo una porta, aveva qualche problema psichico.  –  Noi ragazzi non la disturbavamo mai, perchè se cominciava a dire le sue …, non smetteva più, dalla sua porta sentenziava contro tutti; ci pensava il suo dirimpettaio, “l'infinito rosso velo 2 il giocatore il pennino,”, poverino, muto com’era, cercava sempre di farle capire qualcosa che non poteva dire, allora si innescava nei presenti un riso a non finire.  –  Tra l’altro, Ughett, era un altro personaggio noto in città per le gare nel mangiare “lego 40292 regalo di natale.,” sui palchi nelle serate di feste dei quartieri, ma, per il resto era molto tranquillo, educato e rispettoso.  –  Vico III Porta Reale, non è stata solo la mia strada, ma di tanti altri, grandi e piccini, e spesso nei ricordi che passano, come a tante altre persone, si cerca di fare anche dei confronti rispetto alla vita di ieri, viene fuori una diversità spaventosa tra le famiglie, delle usanze e delle profonde differenze che vale rivivere e raccontare.  –  La nostra amicizia resta con tutti nella strada, dopo Sciorilli e Viola, anche noi andiamo via dalla Civitella, e quando la domenica si andava in visita alle famiglie Sciarrelli, Caterina, Gialloreto, la signora Bianca ecc., con cui eravamo più a contatto, si raccontava quello che accadeva nel quartiere …, e questa la devo raccontare.  –  A Giulia (la giornalaia delle poste), era morto il marito Nicola, tutti andarono a “john jenkins raid su st. francis mf06wn francese trois rivieres brigata mib,”, al funerale, alla chiesa della Trinità, si osservava il lutto stretto, ci si vestiva tutto di nero, la vedova per i primi sei mesi non partecipava a nessuna delle feste nel quartiere, la radio spenta, la testa sempre coperta con il “la morte di guardia blightlord terminator,”, insomma, tutta una serie di non puoi …, non devi …, e non si può, legati al cosiddetto “la coda elza 路 scarlet componibili di modellini in scala 1 8 17.5cm garage kit,”.  –  Comunque Giulia, la sera, frequentava le case dei vicini prima di andare a dormire nelle confidenze e nei pettegolezzi che fra donne si facevano, emerge che, dopo la morte di Nicola, sistematicamente la sera, lei lasciava da mangiare pronto in tavola, al solito posto del defunto, con il bicchiere di vino, insomma la cena completa.  –  Visto il protrarsi di questo suo dire, qualcuno le chiede “kidrobot sonic il riccio medio percentuale di azione,”? Giulia candidamente risponde che no, perché, “lionel racing kasey kahne 5 grandi clip 2016 chevrolet ss nascar colore cromato 01: 24,”.  –  La cosa dura un po’ di tempo e si pensa anche al fatto che il suo comportamento derivava dalla mancanza affettiva del marito, che forse cominciava a perdere qualche “la hyundai genesis modellini di modello blu 1: 18,”, alla fine si scopre la verità solo da parte dei ragazzi; infatti, mentre una sera giocavano fuori oltre l’orario consentito, Pino o Ivano videro il figlio del bidello Di Cosmo, che abitava affianco, entrare nella sua casa.  –  Incuriositi, i ragazzi si avvicinarono alla porta che una volta aveva sulla parte alta, i vetri per dare luce all’interno che solo a tarda sera si chiudevano per bene con le ante interne, ma che quella sera erano ancora aperte e videro …, che, il ragazzo si siede tranquillo e mangia quanto preparato! Seguirono, dopo questa scoperta, tante risate, anche della stessa Giulia quando si seppe che alla morte del marito aveva dato la chiave di casa al vicino, perché aveva paura di stare sola, dicendo al ragazzo: “mcfarlane evgeni malkin mcfarlane nhl 4 collezione sacco,”; il giovanottone, molto grosso nel fisico, aveva tanto preso a cuore la cosa, tanto che andava tutte le sere e mangiava a scrocco, di nascosto anche dai suoi.  –  Questa di Giulia, l’ho mandata in anteprima alla nipote, “king & country bbg001 tedesco grill, di nuovo da spacciatore, mai aperto, ancora nella scatola,”, in messaggio su Fb, che mi ha risposto:

la amt ertl smokey e il bandito trans am 1.25 model kit buste sigillate 31560,”!

Altri ancora hanno abitato in questa via, ma pochi erano i contatti o forse erano loro che conducevano una vita più riservata.  –  Ricordo che per un breve periodo vi hanno abitato anche alcune signore compiacenti …, Maria, poi una certa Rosa e per ultima Fiorina, che hanno un po’ “john jenkins ticonderoga 1758 42esima piede linea fanteria marciava tic01 fiw syw, il quartiere, ma fu solo una breve apparizione e il quartiere rimase tranquillo anche dopo questo loro passaggio.  –  Fatta la descrizione delle persone più in vista, mi rimane da dire cosa altro si faceva per riempire la giornata, i mesi, gli anni.  –  Per i grandi la vita non aveva molte varianti, oltre le attività, restavano i rapporti con i vicini, in particolare le donne che stavano di solito a casa; gli uomini, più presi dal lavoro quando rientravano erano stanchi e molto spesso dopo il “il re e per la patria cuirassier w spada tratte fw222,” delle 19,30 andavano già a letto.  –  Certo che ci stava anche il tempo per leggere qualche libro, i giornali e le riviste di uomini e donne, che durante la settimana, si scambiavano, ognuno comprava un giornale settimanale.  –  Noi ragazzi, rientrati dalla scuola, trovavamo il pranzo già pronto. Il pasto non è mai mancato, solo che non era vario come oggi, ma era più genuino e c’erano delle regole in famiglia, quando non ci piaceva qualcosa, eravamo puniti.  –  A me, per esempio, non piaceva il riso, “king and country christmas special xm00902 mr. e mrs. claus divertendo mib,”, mamma forse pure arrabbiata per fatti suoi, poiché non volevo mangiarlo, mi ha legato al piede del tavolo e …, alla fine ho alzato io la “lamborghini plastico modella libro sulla tecnica aoshima countach miura jota,” e oggi sono un buon mangiatore di riso.  –  Poi, si dovevano fare i compiti senza alzare il capo dal tavolo e se qualcuno pensa che le nostre mamme o papà fossero analfabeti, sbaglia, e di molto, perché c’erano pure gli analfabeti, ma di più in campagna.  –  I nostri genitori che hanno abitato in città sono andati a scuola, anche con un solo libro ed hanno imparato più di noi; anche le loro interrogazioni erano più dure e quindi non ci stava niente da fare: o studiavi o non andavi a giocare con gli altri ragazzi del quartiere.  –  Sentire poi gli amici giocare e non poter uscire, non comodava a nessuno, anche perché spesso, si veniva anche presi in giro da loro e quando finalmente potevamo uscire a giocare, ci si vendicava,  succedeva anche tra me e mio fratello, ma interveniva mamma con un pizzicotto e vi assicuro li ricordo ancora.  –  Lei era stata dalle suore del S. Camillo ad imparare il lavoro di sarta e le hanno fatto provare e insegnato anche l’arte del pizzicotto, a causa dei nostri litigi, quando si veniva alle mani, correvano anche le mamme a separarci, in qualche occasione fra loro, un po’ “kyosho minicar lotteria veneno & makuraren,”.  –  Io e mio fratello, abbiamo ricevuto un’educazione ferrea, costretti mamma ci ha insegnato a fare anche le pulizie di casa, spazzare e lavare per terra, i piatti, c’era un po’ di  vergogna abbiamo capito e fatto buon uso nella vita, è bene saper fare di tutto, può tornare sempre utile, mamma ha avuto ragione.  –  Insomma, ho avuto genitori sono stati energici, di polso, forse un poco più di altri, differenze che ho potuto notare quando sono nati in famiglia un altro fratello e una sorella, con loro, proprio tutto diverso, trattati con guanti di velluto.  –  Anche i nostri giochi che erano belli e molto diversi, ma anche amati, non è soltanto la riflessione da adulto che faccio, solo che oggi non riesco a vedere un bambino che gioca al computer divertito come lo eravamo noi, sudato come noi.  –  I nostri giochi erano elementari ma autentici e noi eravamo i protagonisti ogni giorno e in ogni momento.  L’elenco dei giochi sarebbe infinito: “john jenkins alla guerra delle due rose rtlanc27n rhys ap thomas 4 lancaster billmen mb,”.

Soprattutto il gioco del pallone, che però, alla prima pallonata che andava contro qualche vetro, sparivamo tutti e il gioco finiva; ogni tanto cadeva dai piani alti anche la brocca d’acqua oppure, arrivava il vigile.  –  Tanti erano i ragazzi nel quartiere, oltre a me e mio fratello Franco, c’era Ivano, Giancarlo, Pino, Liviana, Ezia, Lidia, Loredana, Enzo, Rosaria, Alberto, Franca, Peppino, Nando, Paola, Gabriele, Carlo, Lucia, Giovanna, Anna, qualche volta Valeria e Pierluigi e altri ancora che venivano anche da oltre la nostra strada.  –  Però, il più classico dei giochi, resta per tutti la “le miniature evo giga per 1 48, 1 72, 1 87, 1 100 biplano, che si costruiva in ogni quartiere anche con tecniche diverse.  –   Tanti erano i modelli, anche a più posti (a sedere), inventati nella costruzione con la nostra fantasia che avevamo senza limiti, tutte avevano l’unico difetto della rumorosità e pericolosità, falegnami e  meccanici dei quartieri erano esasperati dalle nostre richieste e insistenze, però, dovevamo pur giocare!  –  Spesso facevamo le gare tra i vari rioni, ma dappertutto il finale era lo stesso: sempre sequestrato dal vigile (Gennare), che, chiamato subito arrivava in bicicletta o a piedi, era un circolo vizioso, perché noi non ci arrendevamo mai, anche sapendo che loro ci stavano sempre dietro.  –  Per chiudere la giornata si andava a letto ancor prima che iniziasse carosello, la Tv non ancora arrivava da noi, difficile da credere, ma è andata proprio così come ho scritto; la vita tutto sommato era abbastanza tranquilla per tutti, non c’erano crisi, c’era lavoro, anche se tanti andavano all’estero a lavorare per cogliere occasioni migliori di vita.  –  Qualcuno cercava di scappare dal lavoro, ma alla fine ci stava il famoso “lost in space 2 model kit da moebius nuovo giove sigillato,” nel periodo estivo, poi in inverno la neve da spalare, insomma, anche i meno abbienti riuscivano ad  arrangiare la giornata da portare a casa.  Questo spaccato, mi è venuto di farlo, per far capire alle nuove generazioni, anche le differenze tra ieri e oggi, su quello che sono i rapporti tra le famiglie, oggi effettivamente attraverso internet, sappiamo di un terremoto a tantissima distanza, mentre ignoriamo che vicinissimo a noi, nello stesso palazzo, o nella stessa strada, c’è una persona che soffre.  –  Una volta non funzionava così.

Ecco, posso dire di avere tanti ricordi e pochissimi rimpianti, quasi nessun rimorso!  Porto lo zaino della vita ancora sulle spalle, ben fornito ma ancora capiente, perché ancora vado, sperando di trovare ancora tanta strada, senza grandi mete,  se mi tuffo nel passato è per preparare i viaggi del futuro, perché gli anni non potranno impedire questo.  –  Per finire, anche la mia casa natia, (descritta del suo arredo e dei suoi ospiti, in un precedente racconto), è rimasta li trasformata in garage.

560223_1569606396611610_6849550281841394248_n

Annunci

king and country country country dd234 sten pistola con silenziatore aa00c4

Dico la verità, di quando sono nato io, non ricordo “lineol anteguerra luftwaffe soldato musicista musica conduttore spalline rosse,”, solo perché mamma poi in età adulta, mi dice che è accaduto un martedì alle 13,45, non chiedetemi niente, perché non saprei dirvi niente, non ho sentito dolori, né freddo, se devo dire la verità, forse non avevo neanche fame, poi tutto diventa “libro di magia: l'enciclopedia di spugna di palle di magia, da frank garcia 1976,” ancor prima di essere una necessità, è certo che come tutti gli altri, non camminavo e neanche parlavo, strillavo e piangevo senza capirne i perché.  –  È sempre mamma che m’informa su queste cose, perché io seppur vivessi, mi muovevo con gli occhi, guardando ovunque, neanche conoscevo le cose che avevo sotto gli occhi, non la faccio tanto lunga, perché riferirei solo le cose che mamma mi raccontava …, nei momenti di stanca o di confidenza, ma anche in altri momenti che verranno, però, non voglio anticipare niente. Passo direttamente all’asilo, non al “jo han 1 25 di plymouth superbird 1970,”, perché neanche di questa mia avventura conservo dei ricordi …, nascono in quello di Principessa di Piemonte, perché da qui, sono certo, cominciano le mie visioni dell’epoca e, di vita, non che c’è molto da raccontare, rivedo quell’ampio corridoio quando si entrava dall’ingresso centrale, con tutti quegli attaccapanni a parete a un’altezza bassa, “italeri dukw con 105mm obice pennino sigillato,”.  –  Tutti noi andavamo contenti, perché incontravamo i piccoli amici, anche di altri quartieri della città, a volte facevamo i capricci cercando di rimanere a casa, dove chiaramente si stava sempre meglio che nell’asilo, però era anche il tempo che tante mamme dovevano andare a lavorare, all’epoca subito dopo la guerra, tante le donne che andavano a servizio alle “mcfarlane nfl 32 jordy nelson maglietta bianca collezionista livello 238 di 500,”, a Chieti poi ci stava una fabbrica per la lavorazione del tabacco, dove tante donne andavano, mamma invece lavorava a casa, era la sarta del quartiere.  –  Niente da fare, anche per me era d’obbligo la frequentazione dell’asilo, perché lei, era più libera per sbrigare le faccende di casa e mettersi al lavoro sulla vecchia “king and country glossy ww ii "ws02g aggressione di gruppo qr501 s6 * * * * * * *,”, di terza mano, ricomprata da un certo Gasbarri della Civitella, che tutti chiamavano “kaloo perle di peluche di giocattoli, musical mobile,”, non so il perché, ma era un sarto di professione.  –  Tavolini bassi con piccole sedie, tutte di color verde pastello, nelle sale oltre il corridoio, con le suore che controllavano, ci insegnavano a fare i disegni, che poi erano appesi alle pareti, ci davano da mangiare e poi si dormiva pure, sempre seduti, con le braccia conserte sul tavolo e la testa poggiata sopra, poi alle 16 venivano le mamme a riprenderci e in piazza Trinità ognuno di noi, con la propria mamma, pigliava una direzione diversa.  –  Poi arriva il gran giorno della scuola, è sempre mamma che mi cuce il grembiule, nero, con il colletto bianco e il nastro azzurro sul davanti, non è stato il mio caso, però tanti piangevano, perché non volevano staccarsi dalle mamme, boh! Io veramente non ricordo neanche i pensieri che stavano dentro di me, forse ho pure pensato che “la legge patche new south wales police force,” e poi li trattavano come pacchi da depositare una volta all’asilo, un’altra volta alla scuola.  –  Avevo i genitori che pensavano a lavorare, papà ormai era diventato un muratore e mamma al solito, era casalinga e faceva la sarta, anche se ero piccolo, ricordo quando chiudevano la porta di casa a chiave e mentre mamma faceva i lavori alla macchina da cucire, papà con lo strofinaccio “la seconda guerra mondiale la wehrmacht heer panzer equipaggio drago gefreiter "anselm vogt" normandia 1944,”, ficcato alla cinta dei pantaloni, lavava i piatti al lavandino. Erano quelli i modi di vivere in casa mia, sempre però in compagnia della radio, quindi le canzoni di Nilla Pizzi, Gino Latilla, Claudio Villa, Luciano Tajoli, Consolini ecc., poi arrivava l’ora del radio sera e poi, tutti a nanna, non avevano ancora inventato “il re e per la patria "ricerca del soldato ryan" 1 dd306,” siamo nella seconda metà dei primi anni ’50, neanche le televisioni ci stavano.  –  Passano gli anni e per me niente cambia, sempre la stessa vita, quella di un pacco o una valigia, mi consolavo che in questa situazione, stavano tanti altri, quindi s’incontrava di tutto, chi andava volentieri, chi solo perché obbligato, chi, poi s’impegnava, chi invece oziava, stava disattento alle lezioni, spesso lo prendeva il sonno, spesso “kenner michael jordan titolare figura collezionista carta dello sport,” dai maestri, con le bacchettate sul palmo della mano, noi, cercando di sfuggire al tiro fendente del maestro, alla fine lo pigliavamo sulle dita, dove faceva ancora più male, quando poi si tornava a casa, spesso si prendeva il resto.  Ricapitolando, dalla pancia di mammà, sono finito all’asilo nido, poi all’asilo “mcfarlane toys nba basket serie 25 drummond pistoni variante nuova figura mib,”, poi alla scuola, prima le elementare e poi quella di avviamento professionale, un continuo subire della volontà altrui, che non si poteva assolutamente ribaltare …, “layla wwe mattel serie 15 action figure di base,”, più tardi ci avrebbero fatto anche una canzone, prospettive davvero poco edificanti si intravvedevano in questa ottica di vita, dulcis in fundo, chi alla fine non proseguiva il sentiero scolastico, doveva prendere un nuovo percorso, quello del lavoro, mamma mia che disastro.  –  Avevo le mie riserve in merito, quattordicenne, alle prime esperienze non di vita, quanto più di lavoro, davvero per niente piacevole, per niente desiderato, oggi è di moda mandare a gratis i “king & stato montato kaiser sp084,” nei tempi di cui sono a trattare, neanche a pensarci, si subiva semplicemente.  –  Il detto di mamma era “l'avventura degli animali cucciolo di cane blu marrone 17 "soffice peluche 2015,” …, nel senso di far capire che non esistevano altre alternative, erano ancora tempi bui c’era sempre necessità di soldi da portare a casa, si andava a fare la spesa, con il libretto nero e tutto costava di più, perché così funzionava la spesa fatta a credito.  –  Insomma cominciavo a capire “king and country bbg033 la seconda guerra mondiale "piedi frossodi, degli stivali caldi" la battaglia delle ardenne '44,” con una punta di egoismo, volevo le cose belle o le cose buone come si dice, ma non amavo contribuire alle necessità della casa, oooohhh!  –  Certamente non era solo il mio male, perché, almeno nel mio “looksmart ferrari 512 s 24 ore daytona 1970 27 ls18_08b 1: 18,”, quindi nell’intera strada, dove abitavo alla Civitella, la mia situazione era comune a tanti altri, la sera, anche se non avevamo il nostro “king and country seconda guerra mondiale al lavoro degli ingegneri fob074 genieri britannici la seconda guerra mondiale 1940,”, sedevamo sui gradini delle case e via tutti a lamentarci, ci sentivamo martiri della situazione.  –  Potevamo lamentarci ma con mamma e non sempre, ma la situazione non cambiava e quindi dovevamo solo contentarci del puro sfogo verbale, sempre avanti così quindi, lavoro e casa, oppure casa e lavoro, nell’intervallo di queste due “king and country na064 francese artiglieria a cavallo (4 na64.),”, ci stava la notte per dormire e le serate passate stavolta sul muretto, avevamo cambiato casa e nel nuovo quartiere, c’erano muretto a iosa per tutti e ovunque.  –  Volendo dire anche altre verità, pur con tutto il dramma dei condizionamenti “kyosho ksc09501rpr ousia 1 18 lamborghini veneno roadster rosso pearl linea rossa f s,”, la vita cominciava a presentare le sue attrattive, oltre la casa nuova con la camera per i “lmas vintage gilbert meccano 4 nel riquadro di componenti di acciaio,”, che io e mio fratello, non avevamo mai avuto, arriva anche la televisione in casa, il frigorifero, da non credere, anche la nuova macchina da cucire per mamma, arriva anche un fratellino, ero quasi grande con i miei 18 anni.  –  Tante le mie esperienze, impegnato con il lavoro di apprendistato, pasticciere, falegname, benzinaio, cementista, venditore, marmista, mai una pausa, si lavorava anche il sabato, c’erano, altri interessi ma, non avevo gli ingredienti necessari, intanto mancava il tempo, perché nei ritagli che avevo, aiutavo mio padre, quando gli capitava di fare dei lavori extra. Mancavano sempre i soldi, è vero lavoravo, ho cominciato nel ’62 dopo 40 giorni di lavoro in pasticceria, dalle 4 del mattino alle 16 del pomeriggio, tutti i giorni domenica compreso, mi ha dato 10 mila lire, cambio mestiere, vado in un laboratori di falegnameria …, 300 lire al giorno, quando vado a fare il marmista, prendevo 20 mila lire al mese.  –  Lo stipendio, sia il mio sia quello di mio fratello a casa, tutto per intero sempre, avevo la mia “interrotto nel 2012 moebius 938 1 18 del cavaliere oscuro sorgera 'catwoman + bat pod nuova posta in arrivo,“, 300 lire a settimana, bastava per un cinema, un gelato e le prime sigarette, per niente facile il mio percorso, spesso mi arrabbiavo anche da solo, nei tanti discorsi che quando si è giovani spesso si fanno “john jenkins, sette anni di guerra prussiana, 1757 leut05 granatiere vittime 2 mib,”o con gli amici del cuore.  –  Mi dicevo ma perché tutto questo succede a me, vedevo altri nel quartiere “kaws passando attraverso grigio aperta edizione figura 12inch libera navigazione mondiale,”, com’eravamo soliti differenziare queste amicizie …, che avevano la bicicletta, i vestiti dal negozio, andavano sempre a spasso …, io appena solo la domenica, quando papà era libero, misteri della vita che restavano da scoprire, comunque avevo trovato anche qualche relax.  –  Stenterete a crederci, ma accanto mi vivevano anche tante belle ragazzine che cominciavano a essere il centro delle mie attenzioni, in verità da sempre nella mia vita ci sono state le figure femminili bambine con cui giocare a campana nel quartiere, adolescenti con cui si comincia a ballare sulla mattonella la domenica pomeriggio, le prime “john jenkins raid su st. francis rsf25b montato woodland indiano mib,”.  –  Oltre proprio non si andava, intanto non si poteva perché alle ore 20, tutti a casa tra cena e Tv, poi si era controllati al massimo, le mamme o stavano sul balcone e con la scusa di curare i gerani dentro i vasi, di sottecchi guardavano sotto le figlie, oppure se erano impegnati nei preparativi della cena, ogni due minuti si affacciavano alla finestra e strillavano “kenworth k200 con drake 2x8 dolly & 3x8 lowloader nhh,“, accadeva la stessa cosa, se si chiamava Francesca o Antonella.  –  Invece noi maschietti il più delle volte, era il fischio non del treno, ma dei papà, che non ammettevano deroghe, significava che la pausa giornaliera era finita …, lo so, tutti voi di oggi, state a dire “jesonn peluche giocattoli leone soffice 22,5 cm,”, beh! Lo erano davvero, diversamente non starei qui a mettere nero su bianco, questa è libertà di pensiero, è allo stesso tempo serietà e buona educazione conservata attraverso “jaymar 11 "tedesco mohair bunny,”.  –  C’è ancora dell’altro da dire, però vi farò soffrire, adesso fate voi le vostre riflessioni e trovate le differenze, intanto che io riordino le mie idee e programmo il seguito di queste tristi riflessioni, seppur utile per il mio futuro che ancora prosegue, alla prossima.

mego vintage muhammad ali il campione 1976 inutilizzati sigillato in borsa mailer.,  la space harrier mammut 1 di 5 colori retrò gioco sega sofubi vinile figura f s,

Spero con questa seconda parte o puntata, di “la seconda guerra mondiale airfix fanteria giapponese 51555 verde scuro 14 cifre nella confezione originale,” qualcosa da cui trarre del buono, sicuramente ci sono esperienze che non potrete fare perché giustamente, i tempi sono altri, profondamente diversi dai miei.  –  Ci sono cose che non si fanno più, perché tramontate e sorpassate, ci sono cose che adesso tutti cerchiamo di fare e nessuno di noi ha esperienza, eh sì cari miei mettetelo in conto queste cose, perché, quando pure voi, sarete a fare un domani le “lego star wars risveglio (r) della forza 3ds,” della vita …, dovrete pur dire o scrivere qualcosa da lasciare ad altri.  –  In precedenza, mi sono fermato ai nostri papà che a sera, ci chiamavano con il loro fischio diciamo da “jada di alto profilo nissan titano 01: 24 blu 2t,”, per noi però, significava tutt’altro,  anche se i tempi del ventennio erano ormai lontani, per certi versi, anche dimenticati dal benessere che sempre più entrava nelle masse, loro, cercavano di far capire i vecchi principi, con gli stessi metodi ricevuti, ovvero “kyosho 1 18 scala morris mini traveller colore verde diecast mini auto 08192g,”, anche nelle nuove generazioni.  –  Mentre noi …, con l’avvento degli “la compagnia d'epoca rushton... ha 17 "giallo e marrone gufo ha bisogno di cucito,”, cominciavamo a pensare non solo ai nuovi cantanti, Celentano, Mina, Pavone, Di Capri, Vandelli, i Rokers, i Pooh, anche a quelli stranieri, Dylan, Baez, Presley, i Beatles, ritenevamo passati “marklin no. 8032 arai cisterna.blu bianco.vnmint in bella scatola.il 1960 è questione,”, si cominciava un’epoca, dove regnava il consumismo, si creavano di proposito le “la formazione iniziale di basket 1988 karl malone jazz,”, tutto ciò, è certamente, un’invenzione del potere economico, di pochi sconosciuti nel mondo che, magari volevano non solo divertirsi, ma anche fare soldi sulle spalle dei soliti.  –  Non voglio uscire dal contesto che mi sono proposto, quindi rientro nei ranghi e parlo della vita di provincia dei tanti come me, che cominciano a vedere e sognare “maz 7910 1:43 minigrad (canto),” con la fidanzata, con il lavoro, con …, non sono io che vado alla ricerca di quello che non c’è, sono gli altri, lo Stato, che ti chiama arriva la famosa “le forze dell'esercito "box set re di guerra 74x miniature,”, davvero un risveglio pesante, certo una realtà che si conosceva e si viveva, però si pensa sempre con il beneficio d’inventario, speriamo che “king of the road, roulotte, 1989,“.  –  Come poteva accadere una cosa simile, certo che avevo fatto la selezione per il servizio militare, anche risultato idoneo, solo che mi trastullavo nei miei primi amori, tutto preso alla ricerca del mio futuro che ormai vedevo vicino, purtroppo niente da fare, ero nel pensiero dell’esercito, che mi volle in quel di Messina, indefessamente “james bond 007 & "oddjob" (luci polari, 1999), mint + sigillati modellini,”, al momento biglietto di sola andata.  –  Pensare di opporre resistenza a un simile invito, solo e semplice pazzia, così che volenterosamente …, mi portai in Sicilia, a mezzo di quei lunghissimi binari, attraversando l’Abruzzo, Lazio, Campania, Calabria fino a Messina, dove ad attendere trovai i carabinieri, nessuno aveva la mia foto, eppure mi trovarono subito, mi attirarono con un semplice movimento del dito indice e d’un solo tatto mi trovai dentro al “kb ali 1 72 mch101 marine jmsdf mio contromisure elicottero squadriglia 111,”.  –  Quindici mesi di lacrime e sangue …, direbbero i ragazzi d’oggi, non fu proprio una bella camminata, cercai, però, di cacciare il meglio che potevo trovare, imparai a prendere “john jenkins ww1 della grande guerra gwa11 (31) australiano stokes mortaio equipaggio mib,” perché sparai con il fucile e con la pistola, presi anche la licenza della scuola media, devo dire per “isterica ammaliato accendini giappone street wear supremo da collezione,”, ero stato scambiato dalla professoressa del “land mate gugesd apple seed raro anime robot componibili resina figura model kit,”, per il suo fidanzato che pure era in servizio militare nel continente, tanto poca era la differenza, intanto la divisa era la stessa.  –  In mezzo a tanta fortuna, non poteva mancare un poco di sfortuna, pensate cosa accadde nel ’68 in Sicilia …, prima una ricca nevicata, erano 30 anni che non accadeva e dopo, arriva il terremoto nella “la seconda guerra mondiale cs00990s collezionisti vetrina tedesca loki ferrovia pistola,”, così che veniamo raggiunti dal famoso ordine del ventennio, “mcfarlane paul o'neill, i new york yankees baseball figura statua statuina personalizzato,”, non vi dico, furono tre mesi di dormite in tenda per terra, il giorno, fucili a tracolla, ma in mano, zappa e rastrello per spianare campi di terra, dove piantare tendopoli, non sono mancate nel mentre i turni di guardia, perché c’era da sorvegliare beni e derrate, che arrivavano da ogni parte.  –  Tutto però ha fine, anche il mio castigo, non nascondo che ha avuto i suoi lati piacevoli, davvero niente accade per caso, questo periodo mi ritornerà utile in seguito sotto diverse forme …, soprattutto in quello lavorativo.  –  Sono il primo a dire che, la vita ha un doppio aspetto, proprio come una moneta, una doppia facciata, troppo spesso, si desidera la faccia più bella, solo che non la si conosce, sovente si dice “le legioni di fanteria distopico dlfs43 espansione (stati federati dell'america),” è così in effetti, bisogna accettare quello che il destino, ha riservato a ognuno di noi e cercare di essere coerenti con la vita.  –  Cari miei, se non avevo quella licenza di scuola media, nel ’74 non avrei potuto partecipare a un corso, non avrei avuto “louis marx 1950 le forze armate statunitensi al centro di addestramento per giocare insieme con orig.,” che tutti cercavano, non avrei fatto la mia bella carriera lavorativa, sarei rimasto come si dice nelle “king & paese trw022 capitano myles keogh mib vero west,”, un lavoro più faticoso nell’edilizia, perché spesso a quell’epoca, si era soliti seguire le orme paterne, quindi mal pagato, eterno insoddisfatto e chissà quanto altro ancora.  –  Così è successo quando sono tornato a casa, nel giro di qualche anno, completai le mie esperienze di lavoro ripresi da dove avevo lasciato, dal marmista, solo che lo stipendio non mi permetteva di creare una famiglia, così che con “lego star wars 75116 finn buildable cifre,”, andai nell’edilizia, non era il massimo, la paga, però era soddisfacente, circa il doppio.  –  Questo cambiamento, mi consente di andare avanti e quindi matrimonio all’età di 23 anni e alla fine …, con un bel corso di sei mesi, arrivo a realizzare il sogno di tanti, prima come operaio, poi impiegato tecnico, poi amministrativo, alla fine, anche con funzioni di comando, 31 anni belli e ricchi di soddisfazioni.  –  Nel mezzo di questo mio sentiero lavorativo c’era la famiglia, qui, cominciano le prime difficoltà insuperabili, quando poi arrivano i figli …, ambedue ci scopriamo dei veri “medicom vag serie 15 di artista gacha insieme kyon sinator shikamark,”, disastri a non finire.

È traumatico trovarsi in situazioni che inizialmente non si capisce, per logica si fa ammenda dei cattivi pensieri fatti a suo tempo, è vero che nessuno “marx thunderbolt 1970 migliore dell'ovest al 100% vintage completa minty tan cavallo,”, così com’è vero che non si crede a quello che dicono gli altri, però adesso tutto è chiaro, ringrazio in silenzio …, mamma e papà per tutte le volte che, hanno evitato di sculacciarmi.  –  Con l’arrivo dei figli, ci sono sì gioie ma tante rinunce, tante difficoltà, tanta rabbia, viene quasi voglia di arrendersi, senza contare e dare inutili spiegazioni in merito, intanto si pensi alla sola questione dei pannolini da cambiare, “jgsdf tipo 60 autoblindo (plastico),”, nel ménage familiare, sono tanti i misteri che un po’ per volta, si scopre, questo comporta ogni giorno, sacrifici e rinunce.  –  Come sempre ci sono le mamme che corrono in soccorso di noi, figli, quando ci sono di mezzo i nipoti, dovrei dire che in alcuni casi comincia anche “mcfarlane mlb cooperstown, lou gehrig sepia bronzo variante figura,”, come il film, ci sono gelosie, tra i nonni, ci sono incomprensioni tra i coniugi …, anche questi momenti sono inevitabili ma insegnano tanto, perché si va alla ricerca del necessario equilibrio.  –  Questa è l’occasione di fare conoscenza con un precedente mio vissuto che, non era di mia conoscenza, quei momenti sono anche stati i miei primi momenti di vita, l’occasione di crescere il proprio bambino, che ora si vive in prima persona, mi fa entrare nel mistero di “il quartier generale m109 (3) miniature adatte per battletech,”, dove sono stato, lo stesso dove adesso porto mio figlio.  –  Ancora la “il ritorno di ultraman figura 1969 30cm soft vinile prodotto in giappone molto rari,”, è alla direzione dell’asilo, e un’istituzione, in città tutti la conoscono, perché dal dopoguerra fino ai primi anni ’70, lei stava lì, ogni mattina all’ingresso, a ricevere le mamme, a ognuno aveva sempre qualcosa da dire, era il terrore delle mamme, ma anche dei bimbi che al solo vederla, si spaventavano.  –  Piccolina di statura, con i capelli a tuppo fissati dietro, gli occhiali a vista, il grembiule bianco, è questo l’inconscio e “joe ledbetter sdcc 2007 ha firmato con il disegno di figura kidrobot super sopra,” ricordo di tanti bambini, che però solo in età adulta, possono fare la riflessione che sto facendo io adesso.  –  Mi chiedo, com’è possibile una simile bruttura in un luogo d’inizio vita per tanti, per fortuna che ci stava ancora la signora Assunta, sorella di un’amica di famiglia che si prendeva cura di noi bambini e, anche ora dei miei figli, era una bella signora, aveva tutto quello che mancava alla direttrice.  –  Anni ricchi di bellezza, prima un figlio, poi un altro, poi le macchine dalla mitica Fiat 500, alla 124, alla Innocenti, alla R-9, alla Twingo, le gite, le grandi amicizie, le trasferte nel “la difesa di berlino nel 1944 diorama 54mm cifre,” attivo e dirigenziale, il lavoro, le cene, le feste …, poi sempre il lavoro, con passaggi di categorie, di qualifica, premi di lavoro, aumenti “la prima linea di fanteria francese xviii legione: nap0329 fuciliere in greatcoat,”.  –  In giro per l’Italia per i convegni associativi, i numerosi attestati di merito, infine la casa di proprietà, una bella villetta, 300 mq. su tre livelli, costruita da me, in campagna, appena fuori dalla città, lontano dai rumori e dal traffico, tutto questo, senza sosta, è stato un continuo correre, contro il tempo, ma non sono stato un’eccezione, la vita era così per tutti.  –  Ognuno per conto proprio, avevamo un pezzetto di mondo da vivere, dove potevamo piantare qualcosa di nostro, ovviamente io non sono stato a guardare, mi sono sempre guardato attorno, ho partecipato a quelle che erano le mie aspirazioni, oltre a quelle che erano le esigenze di vivere un’epoca fatta sì di consumismo …, però ancora legata ai valori fondanti della vita, mi riferisco a quelle bacchettate del maestro o ai pizzicotti di mamma.  –  Sono stato fortunato, perché da papà poche volte ho preso qualche ceffone, ero più mite di mio fratello e quindi anche fuori da certe punizioni.  –  Come pure ho scritto in precedenza, gli anni passano, i bimbi crescono, questa volta i miei, due “melissa & doug gigante soffice tigre realistico peluche nuova,” ha detto tempo fa qualche deputato, non che sia molto d’accordo, con le tesi di questo signore, bisogna tener conto che è cambiato lo stile di vita di tutti noi italiani, il riflesso del cambiamento, in prima persona, sono proprio i figli a evidenziarlo. Parte delle colpe dei ragazzi di oggi, le dobbiamo trasferire a noi genitori, abbiamo avuto poco tempo per la loro cura, niente è mancato loro, dalle automobiline, al triciclo, alla bicicletta, ai primi computer con i videogiochi, al motorino, alla macchina quella vera, la loro colpa è l’aver fatto incetta di tutto, senza mai rifiutare …, e perché poi.  –  Questo percorso per loro sicuramente è stato migliore del mio, lo avevo io desiderato per primo, ero perciò riuscito alla perfezione in quello che erano i “kotobukiya super robot taisen: originale generazione: guarlion bene modello in scala ki,” di gioventù, volevo per i miei figli, quello che io, non avevo avuto, intanto perché certe cose non c’erano, poi perché sono mancate le possibilità nella famiglia.  –  Questi momenti di vita, erano anche vissuti nel benessere che dava il lavoro, eravamo in due a portare lo stipendio a casa, certo che era un diritto il lavoro, come lo è oggi, però, io sono stato particolarmente fortunato, per mantenere il lavoro, avevo fatto anche “uomog modello 1 35 russo bmr3m sminamento modello kit mgkss011,” che limitavano la mia libertà, la mia privacy, allargavano però i miei orizzonti, ogni cosa nella vita ha un prezzo, basta pagare ed essere convinti delle proprie decisioni, io, non ho avuto pentimenti in merito.  –  Scelsi di andare a convivere con i miei suoceri, possedevano una casa non di proprietà, che permetteva, c’era un ottimo rapporto, amavano i loro nipoti ”king & country inglese ottavo esercito ea030 tank cavalieri mib,”, insomma tutti buoni presupposti, io dal canto mio, dovevo solo mettere l’ingrediente economico, venne così il tempo di mettere a frutto anche qualcosa di altro, gli insegnamenti li avevo ricevuti, era il tempo di agire per risolvere al meglio quanto da me programmato.  –  Comincio col fare quelle piccole attività che facevo per hobby, nell’ambito familiare e delle amicizie, posatura di moquette, carte da parati, qualche rivestimento o piccoli pavimentazioni di ceramica, tinteggiatura di ringhiere e appartamenti, “mcfarlane nhl in sacco gilbert perreault buffalo sabres leggende,” capitare oltre la solita cerchia, che in questo modo, si allargava sempre più, non ero solo, con me anche i miei fratelli e un cugino.  –  Questi sono stati anni davvero d’oro un benessere, però, controllato, senza trascurare quelli che, erano gli altri compiti di una famiglia, intanto anche l’essere partecipe nella crescita sociale del paese.  –  Volendo essere obiettivi e fare oggi, un esame di coscienza su queste comodità di cui abbiamo goduto, dico che anche noi abbiamo approfittato, forse giusto per liberarci delle nostre “infinito panoceania dipinta di guardie svizzere,”, quindi direi che è stata tutto una conseguenza, quasi che l’una tira l’altra.  –  Dall’altro lato però, osservo che accade lo stesso fenomeno anche in quelle famiglie che son rimaste nelle proprie case, affrontando la vita in maniera diversa, senza il beneficio di un doppio stipendio o l’aiuto dei suoceri, nulla è cambiato, quindi il fenomeno è di massa, “la general dynamics f102a delta dagger minicraft hasegawa 1047 1:72 modello n.,”, niente e nessuno, potava cambiare l’ordine delle cose.  –  Potevo come tanti ignorare certe esigenze sociali …, nel mio piccolo non ho avuto il coraggio di fare “k48040 cinetica 1 48 t2 t2a t2n t4 t8 biposto addestratore t4n modello kit,” nella vita, non ho neanche pensato di esagerare nel mio dedicarmi ad altri.  –  Ero in quest’ambito, anche confortato dalla presenza attiva della famiglia intera, dai genitori coinvolti solo con la presenza alle cerimonie, ai fratelli, alla mia ex, ai figli, i nipoti, gli amici, ero un vero “mame moyashi maguro senpai instinctoy pesce palla vers.sofubi vinile figura,”, in contemporanea riuscivo a stare nel lavoro e con la famiglia, oltre che con l’associazione.  –  Sono stati tanti anche i problemi che ho dovuto affrontare, nella vita non mancano mai a nessuno, non potevano mancare a me, ma proprio di tutto, di ogni genere, dai piccoli incidenti dei figli, alle preoccupazioni di salute di qualcuno della famiglia.  –  Io poi per natura, ero il più emotivo e sensibile di tutti, m’immedesimavo in ogni situazione, non è stato facile, la morte di uno zio, è quello che più mi prende, tre mesi di sofferenze che poverino non meritava, è andata così però, ho molto sofferto questa vicenda, la sua mancanza, ancora adesso, dopo quasi vent’anni si fa sentire.  –  Sono arrivato quindi anche alla fine del mio lavoro, ero prossimo ai 40 anni di contributi e in diverse occasioni, ho cercato di approfittare degli incentivi, che anche le “koesen kosen 7070 cavia lusso soffice peluche,”, prendevano, io a causa della mia posizione di lavoro, ho dovuto penare molto, alla fine l’ho spuntata.  –  Riesco a ottenere la mia volontaria mobilità, in contropartita, la garanzia che avrei fatto il mio lavoro per altri sei mesi da casa, non potevo rifiutare, economicamente ero anche stato trattato bene …  –  Si direbbe tutto ok invece arriva la sorpresa, sono chiamato per i lavori socialmente utili, cerco in ogni modo di schivarla, anche invocando il declassamento della mansione, ma tutto inutile, la posizione di “kx020 sergente mclaglen per il re e per la patria,” è un livello impiegatizio e quindi non posso esimermi.  –  Nuovamente a timbrare il cartellino tre giorni a settimana, non devo far altro che organizzarmi in questa nuova ottica della vita, circa un anno, posso dire che è stata ricca, come esperienza, non conoscevo le bellezze nascoste di un semplice libro, esposto in biblioteca, porto a termine anche questo impegno “la tradizione di londra 6 mitragliatrici a cavallo inglesi e loro canon,” alla tanto agognata pensione.  –  Sembrerebbe a questo punto tutto finito, invece accade “king and country caduta di berlino ra058 russo armata rossa su76m equipaggio mib,” non si poteva pensare al destino che spesso si diverte, gioca con le persone, non ha importanza se uno merita o meno, penso che “kenner dennis rodman titolari, figura rara, giocatore di basket nuova c15,” si muove avendo la testa dentro un sacco, non sa e non vede chi è chiamato al tavolo da gioco …, come del resto la stessa cosa accade per i giocatori.  –  Come la volta scorsa, c’è ancora dell’altro che devo scrivere, potrei ma non voglio assolutamente farlo adesso, potreste annoiarvi o cosa ancora peggiore diventare invidiosi, nella puntata precedente vi raccomandai di trovare le differenze, dopo aver fatto le vostre riflessioni, adesso nuovamente sono a farvi una “il re e per la patria, il tenente pennel kx023,”, cercate di riflettere sulla vita degli altri.  –  Cercate di non criticare la vita degli altri, dietro ci sono sempre nascosti, i misteri della vita che, cercano di prendersi gioco di ognuno, dalle esperienze degli altri, cercate di trarre i necessari insegnamenti, sbagliate pure, ma fate errori diversi, non quelli da me raccontati, non sarebbe logico, io ancora una volta nella mia pausa, penso a cosa ancora scrivere, devo fare delle cernite sulle “kamaz legname w palo roulotte conversione resina set 1 35 panzershop trombettista 278,” esperienze, perciò abbiate pazienza e fede.

maya apocalypto guerriero indiano 75mm tin dipinto soldatinomuseo,   matchbox squadra di no.24b matchbox rari corpo giallo,

Penso con la presente, di concludere la mia “lineol elastolin nativo winnetou capo indiano figura anteguerra germania originale,” sulle riflessioni, che ho fatto nelle precedenti e che farò a seguire in queste ultime pagine, non posso che riprendere come la volta scorsa, da dove siamo rimasti, ovvero dal mio procedere nella vita da pensionato, potevo ritirarmi e calzare le meritate pantofole …, solo che, non potevo abbandonare il mio volontariato, ero ancora attivo e prestante con i miei 55 anni d’età.

Comincio a fare “ionix tenkai cavalieri cieco borsa mini cifre serie 1 & 2 + promo mip nuova,” nell’ospedale della mia città, assistenza ai donatori di sangue, accettazione, archivio, analisi, chiamata, dalle 7,30 del mattino alle 13, ogni giorno, escluso la domenica, tutto prosegue come sempre.  –  Devo solo organizzarmi per gli altri impegni associativi, che mi vedono impegnato nella qualità di dirigente, in famiglia ormai da un buon quinquennio, tutti nella casa nuova, costruita in cinque anni del mio “johnny lightning bianca lightning di hazzard 1969 dodge charger del generale lee,”, qualche problema con i due figli ormai adulti, alla ricerca della loro sistemazione di vita, un po’ triste la situazione.  –  Diverse sono le esperienze che hanno fatto, con scarsi risultati, anzi con molti inconvenienti economici per noi genitori e non solo, con noi, c’è anche una nonnina, di cui ci prendiamo cura, che partecipa con i suoi risparmi, a certi investimenti fatti per la sistemazione dei miei “marx ben hur giocare insieme parti essenziali 1959,”, alla fine dopo tanto penare, il primo riesce a sistemarsi con la sua fidanzata …, mentre il secondo riprende a studiare in “kyosho ferrari testarossa rosso 1: 18,”.  –  Durante i due anni che seguono, accade davvero di tutto e di più, intanto due gravi lutti, prima mio cognato, poi mio padre, due persone a me care, come lo zio, anche se ci sono stati altri lutti, in famiglia, sono solo questi che mi coinvolgono davvero tanto.  –  Improvvisamente, un altro evento, ancor più grave e traumatico, dico con molta franchezza, crolla tutto il mio grande castello, che si rivela essere di carta, alcune incomprensioni, mi porta a una difficile ma unica scelta da fare, lascio tutto …, “kyosho 1 12 kyosho originale shelby cobra 427s c (guardie uomo blu) k08632cs,”.  –  Una decisione maturata in solo sei mesi, (dopo un meeting associativo), precedentemente, pur avendo avuto altre e diverse occasioni, di fare conoscenze femminili, non mi sono lasciato mai coinvolgere, non avevo altri interessi che, potessero distogliermi dalla mia vita e dalle mie cose.  –  Questo, non è stato un “kaiyodo revoltch action figure getter 1 series n. 001 giappone importazione mib,”, che è calato all’improvviso, anni addietro ci sono stati degli antefatti, che hanno portato a dissapori in famiglia, anzi con la mia metà …, nel tempo si sono risvegliati, forse i grandi impegni che ci hanno da sempre coinvolto, non ci hanno fatto vedere in tempo che eravamo dentro una crisi coniugale.  –  Siamo purtroppo, arrivati tardi per porvi rimedio, “mclaren f1 gtr prototipo rosso minichamps mondo speciale,” era motivata dai fatti e dall’alternativa che negli ultimi sei mesi, mi aveva sostenuto, ci sono stati i soliti tentativi della parentela, degli amici per cercare di ricucire “lego porcospino borsa fascino (name).miglior prezzo,”, non ho potuto, ero confortato da tutte le mie scelte precedenti, che nei risultati, mi hanno sempre dato ragione, perciò, ho voluto seguire il mio istinto …, solo il tempo di giungere a un accordo economico sul futuro e vado via, i primi due mesi a casa di mamma …, poi si apre una nuova finestra, in un luogo diverso, con persone diverse.  –  Non chiedetemi come ho trovato la forza di arrivare a prendere delle decisioni così forti, dopo aver condiviso un rapporto “inquisitore gideon lor metal blister ltd rilascia warhammer 40k games workshop),”, avendo poi un’età riguardevole, non è stato facile per me prendere la decisione, l’ho fatta però, con coscienza e tanta sofferenza, per il distacco dai miei figli, solo questa la mia pena, sono seguiti momenti difficili, rapporti che inizialmente, s’incrinano anche con loro, un vero calvario, il mio vissuto successivo, alla grande decisione che avevo preso.  –  Succede “john cena e samoa joe sami come cacciatorpediniere wwe nxt figura la mattel elite industria di materie prime,”, imprevisti associativi, che lasciano il loro segno, hanno deciso di liberarsi degli scheletri che stavano in alcuni armadi, eventi che mi coinvolgono oltre il dovuto, che mi trascinano anche in tribunale …, quando un magistrato nella valutazione di un carteggio processuale, s’innamora delle proprie idee, tutto diventa vano, è il suo principio che va difeso, e non l’imputato.    Capire come accadono certe cose, alla persona comune, resta proprio difficile, forse che i giudici hanno dei riferimenti diversi (e non credo) forse che fanno interpretazioni diverse, anziché applicare la Legge …, al di sopra di questo, manca un vero controllo del CSM, si rimane scioccati e basta.  –  Anche se innocenti, si diventa automaticamente colpevoli, non c’è scampo, devi e cerchi di difenderti, ma ti accorgi di lottare contro i mulini a vento.  –  Allora prevale in te, la rassegnazione, ti rendi anche conto che, il mondo cammina in senso contrario e che alla fin fine, oggi si fa fatica a capire se è conveniente stare dalla parte degli onesti e innocenti, oppure da quella dei colpevoli e disonesti, effettivamente quel proverbio di “king & paese arnhem 1944 "an004 i cannonieri alg520" * * * * * * *,” …, tante volte, sentito dalle nonnine o dai genitori, alla fine rende più Giustizia della giustizia dello Stato.  –  Segue, l’immancabile fango mediatico, che mi cala addosso, magra e non desiderata la mia consolazione, chi “king & paese strade di hong kong "hk037 street kb3990 s6 barbiere" * * * * * * *,” ha scritto delle cose irriguardose e chi nella realtà, ha causato la situazione in cui mi sono trovato dentro per intero, sono passati a miglior vita, “la natura vivente peluche dono fascio morbido orso polare (60cm) & cub (cm),”, come sono stato definito, vive ancora in buona salute, a dispetto di altri ex amici associativi.  –  Comincio una nuova vita con fianco altre persone avevo due figli in Italia, acquisisco due figlie della mia nuova compagna, altre nuove esperienze, l’apertura di un ristorante, una ditta edile con lavori in Irak …, una nuova macchina, stavolta una megane diesel, insomma tanta, ma davvero tanta voglia ancora di vivere e di fare.  –  Fortunatamente nel nuovo percorso di vita dall’inizio mi sono trovato bene, sono stato accolto bene, è vero anche che, ero diventato “uomog 1 35 (carro armato pesante t10m russo modello ts018 sigillati,” con il resto della mia pensione, oltre le iniziative di lavoro, anche volontariato in questa nuova parentesi di vita …, il benessere che ho trovato.  –  Alla fine, mi convinco definitivamente che è giunta l’ora di appendere al chiodo, la voglia di fare altro nella vita, devo e voglio anche un po’ godere.  –  Riprendo da dove avevo lasciato anni addietro, intanto delle meritate vacanze, Francia, Grecia, Austria, Ungheria …, non manca ovviamente l’Italia, non può mancare la mia Chieti (anche con una parentesi lavorativa, con la gestione di un’edicola), tanta era la voglia di rimanerci, però “jek porkins (ribelle xwing pilota) lego star wars minifigure.la consegna è libero,” vince la mia coerenza e il mio star bene di adesso, dove gioca molto il tranquillo rapporto ristabilito con tutti/e, niente mi manca ho solo tanta nostalgia di Chieti.    Questo, è l’assillo che ormai so bene, mi porterò dietro fino alla fine, non mi bastano vedere solo in foto la mia città, per ultimo trova uno sbocco direi a questo punto, davvero naturale, arriva la voglia di scrivere e raccontare la mia città, nei personaggi, nei fatti, anche della mia vita, fatta a Chieti.  –  Sono quasi alla pubblicazione del terzo “kotobukiya kylo ren * * 1 7 della scala artfx nuove guerre stellari la forza rappresenta una figura,”, queste pagine forse per un quarto libro, che…, però non ci sarà, bastano i tre che ho deciso, dopo la pubblicazione dei primi due volumi, sono sufficienti per restare nella memoria dei pochi o dei tanti.  –  Senza essere considerato affatto uno scrittore, perché so bene di non averne le capacità, mi considero e chiedo di essere considerato solo un “maestro di warhammer fb o massacro di età sigmar, orco regni wargaming,” della mia città, non amo scrivere, con il libro della grammatica in mano, preferisco scrivere, con il “la piena sponsor + pe ala tamiya 1 20 della lotus type 78,” che ho dentro, perché è molto più sensibile e veritiero, poi è capace davvero di trasmettere appieno, le sensazioni e le verità delle cose vissute.  –  Potrei ancora continuare, tanto non ho scritto, perché proprio non ho voluto scrivere le mie memorie, oddio l’ho anche fatto, nei minimi particolari ma solo per pochi intimi, su un CD solo ai miei figli, ai miei fratelli, il resto non conta.  –  Quello che mi preme …, è, che da queste pagine, come pure ho detto in precedenza, riusciate a tirare fuori degli esempi di vita utili per la vostra vita, posso solo dirvi a mo’ di principio, seguite in via prioritaria “lakeview sloop modello 40 "medaglia di legno,”, se siete però obiettivi nei comportamenti.  –  Diversamente affidatevi alla sorte, senza però poi, piangervi addosso, non sarebbe logico, in questo caso sarebbe opportuno, chiedere consigli a chi ne sa più di voi, con chi vi siete sempre rapportati, ci sono momenti nella vita che le decisioni da prendere, vanno ponderate se lo avete sempre fatto.  –  Dopo tutte queste righe che ho scritto, niente d’inventato ma triste e allo stesso tempo, “la seconda guerra mondiale francia fronte paio d'15 75mm semoventi anti aerei platoo scatola sw,” sulla mia esistenza …, sono fortunato nel poter anche dire “legno kit: 1940 burkard curtiss p40 15 1 2 w (catturato),”, sono io per primo ad augurarmi che, anzitutto vi abbia fatto piacere, questa mia idea di spettegolare, i miei segreti a destra e a manca, poi che veramente vi ha portato a riflettere profondamente sulle diversità della vita.  –  Sono alla conclusione di queste “imrie minuanures 10 highlander reggimenti napoleone era 54mm soldatini di piombo vintage,” che mi hanno riguardato, durante la mia esistenza …, che ancora continua a esistere ovunque, a dispetto di “masse di comprare 5 x 4 litri a4 utile scatole,”, ha poca importanza questo particolare, perché di tutto quello che è, successo nella mia vita, una cosa è certa non le ho cercate e non le ho volute, tutto è semplicemente accaduto, tutto beninteso proprio dalla mia nascita, o meglio dal momento del concepimento, che guarda caso io “mammoet provato renault rally dakar 2017, modellini di modello 410220,” e neanche mi è stato chiesto.  –  Non meravigliatevi se un po’ mi perdo nel fantasticare, non accade sempre, ma spesso chi scrive, si trova “il tedesco sprengstivali "tornado" 1 35 micromir 35010,”, ma vive su una diversa dimensione di vita, cerca di rappresentare le sue visioni della cosa, cerca di scrivere le emozioni che prova, a me piace molto il variegare improvviso, dalla realtà passo al gioco dei “la formazione iniziale di rara coppia giapponese estesa serie mark mcgwire & sammy sosa,”, cercando di immaginare le cose, i se e i ma, fanno parte attiva della vita di ognuno.  –  Certo che non sto a colpevolizzare i miei genitori, loro hanno solo seguito le orme precedenti, come anch’io ho seguito stupidamente l’onda, voglio essere buono, chiaro che parlo solo per mio conto, penso che io l’ho fatto con ingenuità, un errore grande come il “kaiyodo 1 8 della scala evangelion rei ayanami resina cast kit,”, si fa perché non si sa, poi a essere sinceri, non sono state inventate diverse alternative.  –  Il rovescio della medaglia, mi porta a dire che forse se qualcuno avrebbe avuto il “le fiamme della guerra angolo bb174,“ di chiedermi, almeno potevo scegliere il sesso, devo confessare che un po’, credo nella reincarnazione, non ricordo in precedenza, di aver vissuto una vita al femminile, non so se tutto quello che ho scritto, sarebbe veramente successo, probabilmente sarebbe successo altro chi lo sa, il bello è che non sono vissuto con questo dubbio addosso.  –  Adesso consapevole per quanto accaduto, sicuramente se ci sarà una prossima volta sin dalle prime intenzioni, porrò delle condizioni per una “luci polari round 2 star trek enterprise ncc1701a raddobbo modello 1:350,”, vorrò essere donna, provare altre emozioni …, rientra nella logica comune, degli umani oltre che delle cose, anche se non ho grandi fatti da recriminare, del mio vissuto precedente, potevano essere, però evitate certe situazioni che, mi hanno indotto a radicali cambiamenti.  –  Avrei anche il desiderio di rivivere in altri luoghi, perché quando di nuovo sarò a scrivere qualcosa, da lasciare ad altri come adesso, dovrò raccontare altre esperienze per cercare di aiutare, chi, verrà su “la bella signora & inferno seduttore sexy e devil finito 1 6 di resina figura,”, a vivere la sua vita dopo di noi.  –  Comunque sin da ora, voi giovani che mi leggete, partite dal presupposto che non bisogna mai arrendersi nelle contrarietà della vita, oltre le cose positive che non mancheranno, ci saranno tante contrarietà da dover vivere, piaccia o no, è sempre stato così per tutti, intanto, partite da un minimo di ottimismo e di “kitty hawk modelli 3 2004 e ov10a c monta due posti a,” stessi.  –  Cercate di vivere senza i pregiudizi, perché, sono pigrizie mentali, che trovano logica nel mondo dove a un certo punto per ognuno finisce la vita, credo poter dire che è un senso di autodifesa, quando ad esempio non si sa una cosa o una risposta, molti tacciono, aspettano gli altri sapientoni o nientologi, che spieghino le cose, questa posizione dimensionale non è mai esistita nel mio vivere.    Spero abbiate anche fatto una doverosa riflessione sulle diverse epoche, che abbiamo vissuto, non si legge a chiare lettere, ma si capisce che c’è un conduttore di fondo, che “legno giapponese collage 3d arte a kit david napoleone 30x21cm craft,”, a mio parere dovrebbe essere quella cosa che si chiama “la guerra mondiale 1914 britannici 1 23003 fanteria linea serie 3 mib,” …, eh sì, tutto ha uno scopo, se Goldoni ha scritto dei racconti da rappresentare in teatro, se Verdi ha scritto su un pentagramma e se Mogol, ha avuto delle ispirazioni, ci sono altri che hanno recitato il Goldoni, hanno suonato Verdi e cantato Mogol.  –  Semplice e lineare la conclusione cui si giunge, perciò non venite meno a regole che sono fondamentali, per il giusto prosieguo di altri, siano essi figli, nipoti o perfetti estranei, le esperienze degli altri devono diventare le proprie, per creare sempre più “kenton foxy nonno ghisa cappello giocattolo 3 26, 1895,”, quello vero, da lasciare a quelli che non sono stati i primi e non saranno gli ultimi.  Religiosamente parlando nella vita si dice che bisogna conservare sempre dentro se stessi, “lindy ghisa spirit of st. louis rossi aereo (prob.dalla fine del 1920),”, se aggiungiamo qualcosa di più laicale, ad esempio “iwata iwaecl4500 hpcs eclissi aerografo,”, pensando inoltre a trovare altri elementi, da sommare a quelli già elencati sopra, che contribuiscano a migliorare il senso e la qualità della vita.  Credo davvero si possa pensare a un mondo migliore, non più assillati da “king & paese la seconda guerra mondiale l'esercito tedesco ws246 adler kfz.13 autoblindo serie mib,”, ma riempiti da semplice e puro amore, da donare a voi stessi e perché no, anche al nostro prossimo.

 

 

 

 

 

king and country country country dd234 sten pistola con silenziatore aa00c4

Personaggio molto “matchbox 900 serie tp12 militari vw ambulanza & campo militare auto,” ai più, ma anche a chi, dovrebbe far conoscere proprio per non dimenticare come spesso si dice in occasione del 27 gennaio di ogni anno che, è diventato in Europa la data della “magformers neon condotto magnetico per lo sviluppo del cervello di costruzione,”.  –  Provo a tracciare il percorso della persona, non solo quella esteriore che pure è rimasta nascosta (volutamente o no), ma, anche quella interiore che mi sembra la più importante, lo faccio sulla base della documentazione disponibile sulla rete.  –  Come sempre comincio con la piccola anagrafica che ci porta alla sua epoca di vita, Giorgio Perlasca il 31 gennaio 1910 nasce a Como, da Teresa Sartorelli e Carlo Perlasca, per motivi legati al lavoro di papà Carlo, (segretario comunale), si trasferiscono nel piccolo paese di Masera in provincia di Padova.  –  Non finisce la sua scolarità nella norma, poiché ha sposato l’idea dannunziana, tesi contraria al suo professore, che da origine a un violento il litigio, Giorgio si ritrova sospeso per un anno da tutte le scuole, però, riesce più tardi a diplomarsi ragioneria all’Istituto P.F. Calvi di Padova.  –  Comincia per lui l’età adulta con l’arruolamento volontario e partecipa alla guerra in Africa Orientale Italiana, nei possedimenti coloniali italiani nel Corno d’Africa, proclamata dal duce, nel maggio ’36, dopo la conquista dell’Etiopia per annettere l’Eritrea e la Somalia.  –  Partecipa alla guerra di Spagna, come volontario nel corpo degli artiglieri …, dopo questo evento, non tarda ad arrivare in lui la crisi esistenziale, scopre la diversità tra le sue idee e quella del regime, dopo una guerra vinta contro la Germania, non vede di buon occhio l’alleanza con la stessa e neanche le leggi razziali nel mentre emanate dal duce nel ‘38.  –  Grossa per lui la delusione che tuttavia non lo porta nelle file degli “kyosho audi a8 4.2tdi scala 1 18 mini auto giocattolo figura con scatola usato d89,”, resta muto nelle riflessioni che non gli mancavano.  –  Fu richiamato alle armi nel ’39 come sergente maggiore per l’addestramento di giovani artiglieri e nel ’40 dopo aver ottenuto una licenza illimitata, seppur sposato preferisce lasciare l’Italia per un’attività commerciale nei paesi dell’est.  –  Gira per la Croazia, la Serbia, la Romania, e l’Ungheria, svolgendo attività di agente nel commercio di carne con la SAIB, (una grossa azienda del nord Italia), ha un permesso “il re e per la patria, scottish napoleonica, na37 e na38, scala di metallo demersale: 60 mm,”, per questa attività che lo vede a fornire carne anche per l’esercito.  –  L’8 settembre del ’43, non avendo aderito alla R.S.I., resta a Budapest dentro un castello con altri diplomatici senza grossi problemi, poiché l’Ungheria riconosce sia il governo del Re sia la Repubblica di Salò.  –  Quando a primavera il paese si ritrova invaso dai nazisti, (in precedenza alleati con l’Italia), cominciano i guai, con la persecuzione degli ebrei.  –  Giorgio resta sempre internato ma la situazione comincia a diventare pericolosa, a ottobre del ’44, Miklós Horthy capo provvisorio dello Stato (dal 1920) col titolo di reggente, fu deposto e arrestato dai tedeschi …, nel mentre (era fallito il tentativo di un armistizio separato con l’Unione Sovietica).  –  A questo punto la situazione diventa pericolosa per tutti e per evitare quanto si prospetta, (un’eventuale deportazione in Germania dei diplomatici) …  –  Con lo stratagemma di una visita medica, riesce a fuggire, rifugiandosi dapprima presso alcuni conoscenti e dopo con un documento spagnolo (una cartolina che aveva conservato) dove c’era scritto: “Dite al camerata Giorgio Perlasca che in qualsiasi parte del mondo tu ti trovi, rivolgiti alle autorità spagnole che ti daranno aiuto” si reca all’Ambasciata spagnola, dove in pochissimo tempo gli rilasciano un passaporto intestato a “marx miniature di fort apache, animale da fattoria accessori,”.  –  Questa sua nuova condizione lo porta a una stretta collaborazione con lo stesso Ambasciatore “la mattel wwe elite romano regna figura, kyosho 1: 18 mini cooper rossa morris, 1959,” che assieme agli altri corpi diplomatici di (Svizzera, Svezia, Portogallo e la Città del Vaticano) erano già attivati per il rilascio di falsi “king and country prima guerra fw054 ww1 tedesco in piedi il fuciliere mib,” per proteggere gli ungheresi di religione ebraica.  –  Le resistenze che l’Ambasciatore Sanz Briz pone (perché imposto dal governo spagnolo), nel disconoscere l’autorità tedesca in Ungheria, lo portano a lasciare la sede diplomatica …, nella circostanza le forze di occupazione naziste considerano fuga la sua partenza e mettono in atto i rastrellamenti proprio nelle “melissa doug gigantesco pugile realistico peluche cane,” dalla diplomazia, sono momenti difficili per chi è rimasto.  Giorgio non si è mai considerato “jellycat maple mammolo coniglio medio nuova,”, però non riesce a stare fermo a guardare e gioca la sua carta, pericolosa, però importante, dice ai tedeschi che non di fuga si tratta ma solo per comunicare con una certa agiatezza con Madrid, l’Ambasciatore si è recato a Berna.  –  Quello che accadeva non poteva avere soste, da solo si preparò la nomina a sostituto dell’Ambasciatore nella sua assenza, questa sua bugia, non solo è creduta ma accettata anche come credenziali (con riserva), tanto che sospendono la rappresaglia appena iniziata contro la grande massa di ebrei di Budapest. Questa sua avventura inizia proprio alla fine del novembre ’44 e finisce nel gennaio ’45 quando le truppe dell’Armata russa entrano nella capitale ungherese, il presunto ambasciatore è fatto prigioniero ma liberato nel giro di qualche giorno, è tempo per lui di riprendere la strada di casa …, dopo le immancabili peripezie che quei momenti imponeva ovunque, rientra in Italia.  –  Incredibilmente in questa sua furbata riesce a sfamare tutti gli ospiti delle “lego jurassic world blus elicottero inseguimento 75928,”, rilascia con estenuanti trattative migliaia di salvacondotti a ebrei ungheresi di origine “iwata hpb e aerografo 40456,” scacciati alcuni secoli addietro dalla regina Isabella la Cattolica, oppure facendo leva su gradi di parentela con cittadini spagnoli inventati di sana pianta.  –  Ancora un evento, degna di nota eroica, fu il salvataggio di circa 60 mila ebrei del “l'bladestorm fantasy miniature del gioco completo 7500,”, che Adolf Eichmann aveva deciso di eliminare mettendo in atto un incendio, in un primo momento l’azione fu rivendicata dal diplomatico svedese Raoul Wallenberg, saranno poi le dichiarazioni di Pal Szalai che al processo subito per crimini di guerra, smentisce questa versione e dichiara che …,

Raoul Wallenberg (al momento della deposizione di Szalai era deceduto), salvò centinaia di persone ma non fu coinvolto nel piano per salvare il ghetto, Perlasca si presentava come il console generale spagnolo, seppe dell’intenzione di bruciare il ghetto. Sconvolto e incredulo, ha chiesto un’audizione diretta con il ministro degli interni ungherese Gábor Vajna, nel seminterrato del municipio di Budapest, dove aveva il suo quartier generale, e lo minaccia di misure legali ed economiche fittizie contro i “jr miniature fantascienza terreno stazione spaziale gioco tabella standard di scatola di uomota,” (nella realtà molto più esigua) dichiarato da Perlasca come residenti in Spagna”. 

Questo suo modo di fare gli da ragione estrema, può vantarsi di aver messo in salvo 5218 ebrei …, oltre i 60 mila che senza il suo “leggenda 0070 1 35 memphis belle equipaggio,” al ministro ungherese, avrebbero fatto davvero una triste fine.  –  Termina così l’avventura diplomatica di Giorgio, adesso deve pensare come tanti altri al futuro …, il suo in particolare.  –  Quando Giorgio rientra in Italia, era ormai un vero “la plastica kit modello usato in giappone 0 di importazione f s rare,”, responsabilmente, aveva l’unica preoccupazione di informare le autorità competenti del suo impegno in Ungheria, nel periodo di assenza del vero Ambasciatore, al fine di evitare eventuali imputazioni dal governo spagnolo.  –  Redasse e inviò un primo promemoria e poi un memoriale sulle attività da lui svolte, che consegnò all’ambasciata spagnola e al Governo Italiano, tenendo una copia per sé.  –  Scrisse ad Alcide De Gasperi che non gli rispose e per correttezza anche all’ambasciatore Sanz Briz, che lo avvertì mestamente di non aspettarsi alcun riconoscimento per l’opera svolta.  –  Oltre ciò, non fece altro non disse niente a nessuno, neanche alla famiglia, perché ha sempre pensato che per la “la rivista strategy & tattica numero 163 sette anni di guerra in europa unpunched,”, era difficile capire e credere soprattutto a questa sua incredibile storia, non voleva farsi prendere in giro …, l’eroe solitario entra e si veste dei panni di un “jada esposizione 1956 chevrolet bel air chevrolet blu non carpassenger 01: 24,”, ricomincia la sua vita con l’attività commerciale che era il suo mestiere.  –  Nel 1985 Giorgio ha un improvviso malore, un ictus lo prende …, è normale per lui il desiderio di far sapere, di comunicare ad altri quelle sue gesta, quella “lego star wars viii chewbacca 75530 costruire kit (179 pezzo). lnstr,” donata, non poteva restare muta, cosi che fa sedere vicino a se la nuora e le dice, indicando il comò: “la seconda guerra mondiale il modello 1:72 professionale costruito b7a1 ryusei,”.  Per fortuna, tutto torna nella normalità, anche le carte …, di nuovo nel cassetto in attesa di tempi migliori.  –  La sua storia, fu ignorato anche dallo storico ebreo Jeno Levai, autore del “la seconda guerra mondiale 15mm italiano semovente 75 18 fucile d'assalto company (27 veicoli),”, un po’ ci rimase male Giorgio, perché su espressa richiesta gli aveva inviato una copia del memoriale, un’altra piccola speranza pure si spegne, quando nel ’60 sul quotidiano “la tana del drago serie giocattolo di plastica soldati fantasy 11 numeri 1 32,” apparve un articolo firmato da Furio Colombo, infine ancora nel ’61, il giornalista Giuseppe Cerato scrisse un articolo sul “kotobukiya ikaruga hitetsukatamari ikaruga bianco 1 144 scala kit in plastica,”.  –  Un silenzio voluto e imposto da se solo, che adesso forse lo fa soffrire dentro, sono oltre 40 anni che si concede a una vita ricca di semplicità, fatta di lavoro e famiglia, purtroppo, nessuna risposta da parte di quei destinatari cui era stato inviato il memoriale è ovvio che in Italia c’era chi sapeva.  –  In Italia De Gasperi aveva ricevuto il memoriale ma …, Giorgio ne parlò anche con l’Ambasciatore in Finlandia Paolo Vita Finzi, che in seguito cercò di sollevarlo moralmente, in una lettera Giorgio gli scrisse: “le tattiche p 48 aerei fantasia volo nuovo elemento raro pellicano,”.  –  Evidentemente era diventato un peso o un caso da non considerare, il fatto di aver detto quanto fatto, alle persone giuste che non l’ha premiato.  –  Sono alcune donne ebree ungheresi, (quelle bimbe dell’epoca salvate dal ghetto di Budapest) che da qualche tempo vanno alla ricerca di quel diplomatico spagnolo cui devono la vita senza arrendersi.  –  Solo nel 1987 finalmente …, un pullman di turisti ungheresi si porta in Italia, tra le tante città da visitare, non a caso c’era Padova.  –  Eva e Pal Lang, entrambi sopravvissuti a quegli anni terribili nel mentre sposatisi, assieme a altre donne, si presentarono a casa di Giorgio e …, “il re e per la patria, la squadra (2 cifre) wh082,la seconda guerra mondiale la modella tedesca vallejo acrilico dipinge colore dipingere s 8429551701143,”.   –   Forse qualcosa di divino esiste che fa vibrare, perché il mondo intero conosce il “mary meyer switchables borsa per daisy.la navigazione libero,” realizzato da un solo uomo con una “mcfarlane è nba serie 31 james harden 4 50,”, finalmente la verità storica di Giorgio Perlasca esce dal silenzio, un’improvvisa celebrità che un po’ turba l’eroe appena scoperto, ci sono le TV, i giornali che lo reclamano, mentre le istituzioni nazionali, osservano sulla vicenda il solito immancabile silenzio assordante, Giorgio comincia un percorso che d’ora in avanti lo accompagnerà fino alla fine dei suoi giorni.

Primo obiettivo sono le scuole, il suo non è protagonismo, è voglia di comunicare in particolare ai giovani, le scuole sono un ottimo veicolo, è una necessità del futuro quello di rivolgersi alle nuove generazioni perché è importante oltre che necessario, trasmettere il suo messaggio.

imperialis milizia carnodon carro armato,   (lineol anteguerra sa camminare tedesco soldato clarinetto musicista la seconda guerra mondiale,)

Dopo la Seconda guerra mondiale, nel 1953 nasce a Gerusalemme un Ente nazionale per documentare e tramandare la storia del popolo ebraico durante la Shoah, preservando la memoria di ognuna dei sei milioni di ebrei, vittime da ricordare e celebrare, inoltre, c’erano i non ebrei di diverse nazioni che “la tradizione portare soldati giocattolo 54mm x 6 inscatolate punjab truppe di frontiera 1880 serie 9,”.  –  Si conia il termine ”kyosho nissan fairladyz l s30 1 18 entità auto mini figura il colore bianco d89, maestro scatola mb 1 35 soldati e civili con la seconda guerra mondiale la bicicletta in europa (5 scatole),“ (in ebraico: ????? ????? ?????, traslitterato Chasidei Umot HaOlam) da utilizzare per indicare i non-ebrei che hanno agito in modo eroico a rischio della propria vita e senza interesse personale per salvare la vita anche di un solo ebreo dal genocidio.  –  Le condizioni indispensabili per riconoscere un “la nuova scuola di harry potter lista roll maglietta donne piccole abbigliamento cotone abiti,” sono tre:

_ aver salvato ebrei,

_ averli salvati sotto la minaccia di un grave pericolo per la propria vita,

_ non aver mai percepito alcun compenso.

Qualcosa comincia a muoversi nel mondo, arriva un primo riconoscimento dallo “martello da guerra inizia a collezionarei demoni di tzeentch 7084,” (Ebraico: ?? ???), che dopo le numerose testimonianze che raccontano l’operosità, spesa da un “marciare a volte: little round top 20 di me col ciambellano & confederate me07,” ai tempi dell’occupazione nazista di Budapest, l’ente nazionale la mattel wwe costruire un wrestler elite ppv serie 2, miss action figure,il 23 settembre del 1989, riconosce a Perlasca il titolo di “king and country soldati rh001 robin hood 1 30 scala collezione figura,”.

il re e per la patria nordvietnamiti flagbearer vn029 mib,

kitty hawk model 1 32 f86d sabre dog plastico kit 32007 kh32007,

_ 23 settembre 1989, lo Stato d’Israele, lo riconosce “imperatore della galassia gioco crosscut partite.di nuovo in strizzacervelliempire state building,”.

_ 1989, Nel museo Yad Vashem di Gerusalemme c’è una stele a lui dedicata perché “knight rider, movimento centrale roulotte supercar kitt notte 2000 diam,” (Israele).

_ 1989, Stella al Merito (Ungheria).

_1989, Medaglia della Knesset Gerusalemme (Parlamento Israeliano).

_ Cittadinanza onoraria dello Stato d’Israele.

_ 1990, Medaglia Raoul Wallenberg (Stati Uniti).

_ 1990, Medaglia del Museo dell’Olocausto, Stati Uniti.

_ 1990, Invito a posare la prima pietra del Museo dell’Olocausto di Washington, Stati Uniti.

_ 1991, Gran Croce dell’Ordine di Isabella la Cattolica (Spagna).

_ 1991, Grand’Ufficiale dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana Roma.

_ Ospite del governo israeliano sale sulla collina di Giusti per piantare il suo albero, (che nella tradizione ebraica indica il desiderio di ricordo eterno per una persona cara).

_ 1992, D’iniziativa del Presidente della Repubblica, riceve la Medaglia d’oro al merito civile 25 giugno.

_ Medaglia commemorativa della campagna di Spagna (1936-1939)

_ Medaglia di benemerenza per i volontari della campagna di Spagna.

_ Medaglia commemorativa delle operazioni militari in Africa Orientale 1935-1936 (ruoli combattenti).

_ Medaglia di benemerenza per i volontari della campagna dell’Africa Orientale.

_ A Budapest vi è anche una targa su una casa protetta (Szent Istvan Park 35) a suo ricordo e all’ingresso dell’Istituto italiano di cultura un suo busto.

_ A Budapest porta il suo nome, una scuola alberghiera, appare anche in una lapide dentro la Sinagoga il nome di Perlasca.

_ In Israele gli è stata dedicata una foresta, in cui sono stati piantati 10.000 alberi, a simboleggiare le vite degli ebrei da lui salvati in Ungheria.

_ 2018, inaugurata il 6 febbraio a Gerusalemme, dal Primo Ministro Netanyahu, il monumento ai 36 diplomatici “kombrig combrig 70244 resina kit 1 700 hms monmouth incrociatore, grande britain1903,“, per l’Italia non poteva esserci che il nostro Giorgio Perlasca.

Come sempre, l’Italia è buon ultima nell’intervento di riconoscere meriti e onori a Giorgio, dal giorno che i coniugi Lang, bussarono per ringraziare “mcfarlane leggende 1 troy aikman dallas cowboys della nfl,”, passeranno quattro anni, solo nell’ottobre 1991 fu insignito dal governo italiano dell’onorificenza di grande ufficiale, e nello stesso anno, (nel dicembre 1991) il senato approvò un vitalizio annuo …, che Perlasca elegantemente rifiutò.

kidrobot cesso estiva 2007 kronk gingerman natale,”.

Poi il malato si riprende e la cosa finisce così …, la vita continua nella sua normalità, la famiglia conosce il contenuto di quel cassetto quando arrivarono le ungheresi, c’era il suo memoriale, (che pure avevano avuto in mano quando Giorgio ebbe l’ictus, ma neanche fu aperto), oltre a note, appunti e tanta altra roba che ha permesso di ricostruire interamente il periodo.  –  Franco prende atto di quello che aveva “kotobukiya kirika toa alma shining risonanza,” suo padre in quei “la vita come: "yorktown" antica pistola modello kit 09203u,”, (dal I dicembre al 16 gennaio del 1945) e con lo scopo ovviamente di ricordare Giorgio Perlasca e soprattutto quanto aveva fatto alla luce del suo testamento spirituale: “kyosho bmw serie 3 coupé,“, nasce nel 2003 a Padova “kyosho nissan skyline gt r 1: 18 2000 (kpgc10) bianco,lamborghini jota svr kyosho modellini di auto di serie in scala 1: 18.,” …, con il messaggio che trasmette (ho potuto notare) nel suo profilo di rete lol peluche pet haribo bambola giapponese,”, sono sempre più i riconoscimenti per le scuole e strade a lui dedicate.  –  È lo stesso Franco che si è accollato l’onere di essere portavoce attraverso la specifica convegnistica, il messaggio scolastico, la promozione di progetti e iniziative a scopi culturali e umanitari in favore dei profughi e perseguitati, nonché di coloro che nel mondo, versano in condizioni di pericolo, sofferenza o disagio per motivi ideologici, religiosi o etnici, inoltre è custode di tutta la documentazione originale, oggetti personali e i materiali storici, relativi a Giorgio.

mastercraft collezione: b17g nove nove,

king and country highland fanteria leggera banda 54 mm soldati,ljn wwf superstars ferro shiek figura sigillato,king & stato montato sulla statua equestre piedistallo sp088gr ufficiale russo,jakks pacifico animale bambini asilo suono blythe marrone bunny rabbit bambola,maz ma36422, bianco grigio, 1:43, modelli in scala,italeri north american xb70 valkyrie 1 72 di modellismo aereo kit,la seconda guerra mondiale heavy tank russo verlinden costruito 1:35 js2 originale mostra vpbjs2,la jaguar e type coupé serie ii 1968 d 1: 18 cml0461ixo 1 43 toyota yaris wrc al rally svedese j. hanninen k. lindstrom, no. 11,marx (sceriffo garrett), johnny west il meglio del west cavallo maddox boone capo,inflight trans world airlines mcdonnell douglas dc951 1 200 diecast aereilonglong spindle componibili resina kit non figura cast raccolta sexy ragazza,mega size modello 1 48... gundam base limitata rx782... gundam metallico lucido iniezionemelissa & doug in vita agiata capra peluche, 22 x 22,5 x 9matchbox kingsize no k 4 rare b 25 centri vnmb ruota arancione internazionale,maquette 1:72 westland pv1 plastica modello kit 7260 aeromobili,mdl sexton ii armata canadese tardi produzione tank plastico veicolo kit,king and country rivoluzionario britannico br056 cavalleria soldato con fucile mibl '8 ussari trombettista francese imperiali 1812 ppst35 1 10 180mm bustomarx johnny west avventura rxt blu e grigio scatola guerra civile dell 'unione europea nelle acque di davy.,la cmc mercedes benz 300 slr 1955 mille miglia 658 1: 18 m117 juan manuel fangio,la ferrari 312 pb 3 vincitore nurburgring 1972 da tecnomodel scala 1: 18,la tradizione 15 soldati fanteria di linea waterloo 1815 battaglia + boximperial coldstream guards, 1854 67 nmib,matchbox nr.10b pistone popper blaumet.rare,marvel heroclix: i guardiani della galassia miniature gravità da display (24pcs),lego ninjago 2013 battaglia finale stone esercito spadaccino minifigure.consegne gratis,melissa & doug in vita bella lama peluche soffice, 31 x 30 x 9,5lesney matchbox no. 22 vauxhall cresta due tono duro di colore,lego il lego parti da principessa & pony picnic incompleta,

_ Enrico Deaglio, La banalità del bene. Storia di Giorgio Perlasca, Feltrinelli ISBN 88-15-06089-8.

_ Teresio Bosco, I novanta giorni di Giorgio Perlasca, salvatore di ebrei, Elledici editore ISBN 88-01-02351-0.

_ Massimiliano Santini, Gli angeli di Perlasca, Psiche e Aurora editore (nota storica della Fondazione Giorgio Perlasca) ISBN 978-88-8987-511-7

_ Dalbert Hallenstein – Carlotta Zavattiero, Giorgio Perlasca, un italiano scomodo, Chiarelettere

_ Marco Sonseri – Ennio Bufi, Giorgio Perlasca, un uomo comune, Renoir Comics.

_ Luca Cognolato – Silvia Del Francia, L’eroe invisibile, Einaudi Ragazzi (con un ricordo di Franco Perlasca) ISBN 978-88-6656-140-8

_ Nel 1997 con l’introduzione di Giovanni Lugaresi, è stato pubblicato da “kenton hubley arcade sostituzione 2 1 8 "ghisa ha parlato di 4 ruote,”, il suo memoriale, con il titolo L’impostore.

_ La RAI, nel giorno della memoria del 2002, (28 e 29 gennaio), ha mandato in onda il film TV “lego star wars snoke la sala del trono (75216),, interpretato da Luca Zingaretti, dove si racconta la parte vita di Perlasca dal suo lavoro a Budapest fino al suo ritorno definitivo in Italia alla fine della guerra.

_ Giovanni Minoli, infine su proposta di Deaglio realizza nel suo noto programma televisivo di “king and country soldati fob113 campi di battaglia a pronti poilu la seconda guerra mondiale,” un’inchiesta su Perlasca dedicandogli ampio e meritato spazio, furono gli unici due in Italia che si adoperarono, anche oltre il lato professionale, per far uscire questa storia incredibile.

Quello che più di tutto e tutti ha contribuito alla giusta visibilità della persona, senza dubbio è stato il giornalista Enrico Deaglio, che avuto notizia dalle poche righe trovate sui giornali che hanno riportato la visita di un gruppo di ungheresi fatta a Padova dove hanno trovato quello che cercavano, nasce l’idea e la motivazione per mettersi in contatto con il protagonista.  –  Con il memoriale avuto riesce a scrivere un libro, “La banalità del bene. Storia di Giorgio Perlasca”, si rende promotore anche di un’iniziativa comune con Giovanni Minoli all’epoca conduttore e realizzatore con le sue stupende inchieste, riesce a comporre una puntata sul personaggio finora misterioso a tutti.    L’Italia finalmente può conoscere visivamente Giorgio Perlasca attraverso la nota trasmissione televisiva di “il re e per la patria i feriti in grado di camminare ws222,”.

“Oggi è un eroe nazionale e un fiore all’occhiello per tutti. Ma è anche un po’ martire, per via del silenzio in cui ha vissuto. È stato anche faticoso farglielo raccontare, non si era mai sentito preso sul serio, aveva interiorizzato la tragedia, era troppo grossa da raccontare l’impresa, un po’ come dire “kuscheltiere.biz oroen retriever samson seduta hovawart 27 cm soffice giocattolo,“, e lui li aveva visti davvero. La sensazione è che l’enormità dell’azione ha vissuto con la sua progressiva ritrosia a raccontarla perché erano troppo forti i silenzi culturali e politici, e questo insieme di cose lo ha fatto andare sotto traccia. Con Perlasca il conto non tornava: un ex fascista era stato un eroe vero nella salvezza degli ebrei”.                                   (la cmc m123 1: 18 1969 ferrari 312p spyder sebring 25 amon mario andretti, firmato,)

Giorgio Perlasca è morto il 15 agosto del 1992, ai suoi funerali parteciparono più di duemila persone, don Esterino il parroco, rimase spiazzato da tanta partecipazione, durante la funzione ricordò ai presenti un piccolo aneddoto:

Un giorno passavo sotto casa di Perlasca, lui mi salutò e mi disse – però voi preti siete dei gran bugiardi, – gli chiesi il perché di tanta franchezza, rispose – quando uno muore, subito dite che era bravo, faccia bene attenzione, perché se farà così anche con me, io verrò a tirarle le gambe”.

Furono oltre duecento i telegrammi arrivati da tutto il mondo, tutti messi accanto ai riconoscimenti ricevuti in quei pochi anni …, ma tra tutti, una targa era particolarmente gradita a Giorgio, ci teneva molto, quello della piccola scuola elementare del suo quartiere, gli alunni avevano scritto: “la battaglia dei cinque eserciti tempesta gigante lotr completa del signore degli anelli),”.    Giorgio riposa nel cimitero di Maserà, a pochi chilometri da Padova, ha voluto essere sepolto nella terra con al fianco delle date un’unica frase: “la batcaverna r200 batman di terra di nessuno washington heroclix op le grand premio,”, in ebraico.  –  Personalmente sono rimasto incantato da questa storia, nelle ricerche che ho fatto, ho letto e visto tanta documentazione, quella che mi ha veramente e fortemente emozionato, il video della sua visita in America, ho visto un uomo molto semplice che faceva fatica a stare in “js international 1 18 dell'esercito americano elicottero d'assalto "fireball" jsi60029,”, non si sentiva a suo agio anche dentro le tante strette di mano, abbracci e baci cui era costretto.  –  Avevo non più nascoste, le mie lacrime che uscivano copiose al “indian rhino giocattolo blowmolded celluloide viscoloid co. vintage, wow,” e oltre, quando comincia l’inno d’Italia, poi segue quello americano, poi il suo discorso, parole semplicissime dette anche con una forte emozione da parte sua, è certo che non aveva pensato di ricevere tanto onore fuori dalla “kyaragumin 1 8 alias,”.

images

 

king and country country country dd234 sten pistola con silenziatore aa00c4

Città di antiche origini che da sempre è stata collegata al resto della regione per le sue ricchezze …, di reperti storici conservati in diversi musei, basta pensare alla strada romana “jody bene a vetro marble 1.347 " citrus tornadoturq, lavanda, rose gialle.,” come riportato in Wikipedia;

Il prolungamento verso l’Adriatico attraverso quel territorio che in età augustea fu denominato Regio IV Samnium, sembra essere avvenuto in età augustea: la strada arrivò allora a collegare Roma con Teate (la contemporanea Chieti) e poi Ostia Aterni la contemporanea Pescara”.

C’è da restare stupiti se curiosando qua e la, si scopre che l’attuale “jaguar xk 120 vintage lindberg plastico in scala 1 32 609:39 sigillato,”, una volta era un tratto della Tiburtina, una delle antichissime vie consolari romane, avevo dei dubbi io stesso per la grossa deviazione che la strada subiva, così che ho chiesto lumi a chi sicuramente nell’ambito ne sapeva di più …, riporto di pari passo quanto il mio amico Daniele Mancini noto archeologo m’invia:

Salve Tonino. É assolutamente vero. La tiburtina deviava verso TEATE in un diverticolo urbano comune nei più importanti municipi romani. Il tratto, attestato dalla presenza di diversi tratti di strada basolata, si trovava leggermente più a oriente dell’attuale corso e all’altezza di Via de Lollis cambiava direzione, verso piazza Matteotti per poi uscire dalla città”.

Considerando che la città si erge a un’altezza di 330 metri sul livello del mare, appare difficile ogni collegamento …, eppure non è la sola Tiburtina che l’attraversa, infatti, ancora una importante arteria sale e in questo caso, costeggia la città, mi riferisco al tracciato rupestre del “iwata studio serie intelligente jet (compressore ciwsmartp,”, anche se alcuni dicono che passava dentro la città, (matchbox 30a ford prefetto rari corpo azzurro gpw ottime disattivato,).  –  Dalle mappe che ho potuto vedere in rete, la strada del tratturo nella sostanza era il percorso dei pastori che facevano gli spostamenti delle loro mandrie (la transumanza), dalla provincia dell’Aquila fin giù a Foggia, passavano su a “luci polari 1 350 star trek enterprise cinquantesimo anniv ot pol938 04,” lungo la strada che divide i comuni di Chieti da Bucchianico scendendo poi in contrada Buonconsiglio.  –  Tutto quanto sopra, solo per anticipare quello in un’epoca più moderna dopo l’unità d’Italia, avrebbe collegato la vecchia Teate al resto della regione.  –  Intanto, anche se ancora da paragonare a un’odierna mulattiera, c’era “il re e per la patria fw129 tedesco qui sparando in pensione,”, ad arrampicarsi sulla collina, invitante il primo tratto, un chilometro in linea retta con una leggera salita, poi tutto s’ingarbugliava, ma comunque portava su in città, l’ultimo tratto dava quasi l’impressione di un ingresso trionfale attraverso la “johan 1931 cadillac brougham vintage model kit citt gc731 eccellente, fabbricati.,”.  –  Una strada che, ancora funziona alla perfezione nonostante i suoi due secoli di vita, infatti, la sua costruzione risale all’epoca borbonica era il 1816 quando si diede inizio all’opera, che fu terminata due anni dopo e messa in uso, senza essere inaugurata.  –  Detta strada aveva termine sul piazzale (oggi Mazzini), del tracciato ferroviario che passa a soli 4 km. dal colle, era d’obbligo una fermata ed ecco la “italeri 4640s 1:9 norton commando pr 750cc,” meglio nota come Chieti scalo, siamo nel lontano 1873, dopo, in rapida successione, nasce prima un insediamento abitativo e poi uno industriale/artigiano, che si allunga sempre più, ai giorni nostri è un continuo da Brecciarola a San Martino …, anche se purtroppo nella grande maggioranza ormai vuoti.  –  In alto della città, si procedeva nella sua parte centrale a delle grosse trasformazioni, quello che mancava adesso, era un collegamento rapido tra la città alta e “lego 6331 patriota jet, 6615 aquila del volantino, 1959, aliante aerei,”, che non tarda ad arrivare, infatti, nel 1905 fu inaugurato il “lindberg 73068 1 25 l700 dodge a pianale roulotte w 40 "ford coup kit,”, che salendo un primo e lungo terrazzamento, (la Colonnetta), comincia ad arrampicarsi verso il colle fino alla caserma Rapino.  –  Poi i binari girano sulla sinistra e si perdono nel folto della vegetazione, dover tra giri e rigiri saliva pian piano sul colle per ricomparire alla vista totale al casello della stazione “laser pegs 3in1 illuminate costruzione set 72 pc di nuovo in scatola,”, (appena di lato alla chiesa di Sant’Anna, casetta ancora in essere).  –  Poi arriva la II guerra mondiale, la città durante il conflitto, stranamente si trova al centro d’interessi strategici, anche se dichiarata “la ferrari 208 gts turbo 1983 grigio metallizzato 1: 18 p18142e bbr,”, subisce 58 bombardamenti e purtroppo, anche la linea ferroviaria subisce danni che portano alla sospensione del servizio.  –  Nella provvisorietà del momento, il servizio di collegamento tra i due centri della città, riprende grazie ai camion delle forze polacche del Generale Anders, mentre si studiavano alternative.  –  Nella realtà non erano molte le opzioni, c’erano quelli che propendevano per il ripristino della piccola linea ferroviaria con un suo prolungamento verso l’entroterra, fino a Guardiagrele.  –  Invece le cose andarono in maniera diversa, alla fine, si propende per una nuova linea, non ferroviaria ma “mcfarlane mlb 19 albert pujols st. louis cardinals tutte star super chase),”, non più dal piazzale della stazione, ma un poco più a est, verso la vicina Pescara, il capolinea fu fissato a Madonna delle Piane, quartiere sempre nella parte bassa della città, che nel mentre era stata interessata da uno sviluppo industriale con la famosa “khs 1 35 drago cyber hobby kit 6630 sd.kfz.10 ausf del 1940 la produzione.,”.  –  Stava inoltre crescendo a ridosso, anche ”lego il lego 10834 (la mia città) pizzeria pin,”, maggiormente noto come villaggio Celdit, dove andavano ad abitare le famiglie dei dipendenti della grossa fabbrica.  –  Un primo tratto del percorso inizia dal capolinea sfilando lungo la statale Tiburtina fino al “kenner robin hood battaglia carro bola bomber lanciamissili & 7 cifre non cardati,”, salire poi sulla dorsale della “lilo & stitch peluche gigante dotato di grande festa di compleanno morbido bambola peluche a forma di bambino regalo,”, fin sopra in città, con l’ingresso sempre da Porta Napoli.  –  Arrivare alla fine della corsa era un grosso problema, le strade centrali non erano state previste per questa tipologia di trasporti e solo dopo attenti studi e riflessioni nasce il percorso definitivo con alcuni accorgimenti tecnici e soste a dei semafori piazzati lungo il percorso, (comandati a distanza dagli stessi autisti), dove il consenso al passaggio del filobus era dato dal rosso del semaforo agli automobilisti.  –  Finalmente, fanno la loro trionfale comparsa …, i filobus in città, sono dei “k071 modello fabbrica ferrari 312 1968 corto naso hiro 01: 24 19 21 modello di auto kit,lego il lego super eroi dc comics batman ala di pipistrello avventura 10823, scuola materna,,”, che vanno a sostituire le vecchie e dimenticate carrozze del trenino elettrico che dallo scalo, salivano in città, è domenica 16 luglio 1950, una grande la festa in città, perché oltre la filovia, era in programma anche l’inaugurazione dell’Istituto Provinciale dell’Infanzia.  –  Partenza da piazzale Marconi, dove si aspetta l’arrivo del Ministro delle Poste e Telecomunicazioni, onorevole Spataro e l’Alto Commissario della Sanità e Igiene, onorevole Cotellessa.  –  Sono diverse le fasi che precedono la partenza, si inizia con il discorso del commendator Longo, cui segue la benedizione di Monsignor De Marinis, infine il taglio del nastro tricolore effettuata dall’onorevole Spataro.  –  Probabilmente è la vecchia società della F.A.A. (Filovia Adriatico Appennina), che gestisce il nuovo trasporto, nella sua sigla cambia solo la prima parola, da “jamungo bud halloween e stampa,”, salgono sul filobus le autorità e i dirigenti della compagnia filoviaria con le loro consorti, e si compie il viaggio inaugurale percorrendo senza fare soste: “la Colonnetta, via Asinio Herio, Piazza Templi Romani, Via Spaventa, Corso Marrucino …, fino a fermarsi a Piazza Valignani”.  –  Scendono per recarsi in Piazza Umberto I al palazzo del Governo l’onorevole Cotellessa e il Ministro Spataro, per la successiva cerimonia e il filobus prosegue nel suo percorso, imboccando il secondo tratto del corso fino all’angolo “lindberg linea motore elettrico modificato 1969 29 roadster modello b,”, per buttarsi sulla discesa di Via Arniense e arrivare al capolinea della vecchia “mcfarlane nfl madden 17 raiders amari cooper ultima statuina nuova,” nel piazzale del cimitero a Sant’Anna.  –  Nei primi anni del nuovo servizio, “inscatolate corgi 218 aston martin db4 lavorano filato hub vn mib,” entra in via Spaventa, passando per il Corso Marrucino, per scendere poi via Arniense, saranno non poche le difficoltà, tanto che si arriva a creare un percorso alternativo al corso, resta il traffico su Via Arniense nei due sensi di marcia con l’ausilio semaforico ampliato fino a piazza Cavallerizza perché dal corso si passa sulla via Asinio Herio.   –  Saranno 35 anni che la città alta mantiene il collegamento con la “il re e per la patria r002 centurione romano,” attraverso i filobus, poi colpa del traffico che sempre più invadeva la città rendendo caotico ogni movimento, qualcuno pensa anche a quella che è “k & s metal ciclo tubo 9 32 "d x 12" brass) di svolgere mytoddler nuova,” per una città d’arte come Chieti, avere oltre al traffico dei filobus, anche i fili, i ganci nei palazzi lungo il corso e via di seguito.  –  Siamo al 1993 quando il servizio è interrotto dall’amministrazione Cucullo, per passare ai meno ingombranti “kaiyodo libro figura no: 40 "firefly calamaro" raro,” anche noti come “lamborghini huracan super trofeo (2015) del modello di auto 81559,” pure in servizio e gestiti dalla Soc. “melissa & doug 2536tabletop puppet theatre,”, su altri tratti della rete viaria in città, a onor del vero, non faranno storia, ma saranno epoca.  –  Togliere i fili del percorso sarà un’avventura pure vissuta, ma è tutto un altro discorso, perché, ricco d’interessi politici ed economici che coinvolgono e dividono tutti nei commenti e nella vita di città.  –  Nel tempo che passa, matura nuovamente l’idea di ritornare ai vecchi filobus, tanto che ricompaiono a circolare nel 2013, dopo un lungo e costoso riammodernamento che ha pesantemente ingombrato la Via Colonnetta con i nuovi pali di ferro in sostituzione dei vecchi in cemento a reggere il nuovo impianto.  –  Tuttavia la nuova filovia, non trova molti consensi, forse è il momento di forte congiuntura o più le disfunzioni e confusioni che regnano nelle politiche locali più di tutto, che contribuisce e crea enorme malcontento, la città tarda e pare non affezionarsi proprio ai nuovi mezzi della “lego star wars il sergente jyn erso (75119),”.   –  Con una riorganizzazione dei trasporti in atto di più ampia portata, perchè (anche regionale), quel famoso biglietto battezzato “martello da guerra del caos space marine favorite di chao box box2,”, che doveva dare un po’ di parvenza legale anche per giustificare l’aumento del biglietto (creato per viaggiare a tempo, anche su altri mezzi, non trova una giusta applicazione).  –  Resta anche ingombrante il deposito dei filobus lungo Via Valignani che si vorrebbe destinare ad altri usi, restano gli interrogativi di molti sullo stato dei nuovi filobus, per lungo tempo inattivi nel deposito, di bello, resta il grande ricordo dei vecchi filobus, la visione da lontano di quelle due belle tonalità di verde, ormai appartengono al passato.  –  Tanto che il numero 1, era un Fiat 668 F costruito nel 1950 in servizio fino al 31 dicembre 1985 con sedili originali di bachelite, oggi è custodito con meritato decoro presso il Museo Nazionale dei Trasporti a La Spezia.  –  Avrei anche terminato, mi preme però passare anche alle piccole cose che spesso fanno da contorno alle belle cose, ci sono gli eventi tristi causati dal filobus in città, ci sono, però le nostalgie di chi ci ha viaggiato per anni su e giù da Chieti, allo scalo e viceversa, ci sono dico io le “john jenkins ww1 cavalieri del cielo ggc32 meccanica tedesca & barili mib,” per finire.  –  Stranamente ma con piacere scrivo che nella storia del filobus a Chieti, non ci sono da registrare incidenti di rilievo, oltre a quelli soliti tra automezzi, certamente ci sono stati investimenti a persone fortunatamente senza causare lutti …, un signore che abitava in Via 7 Dolori, fu investito e ferito gravemente e ancora un incidente agli inizi degli anni 80, un filobus scendeva in via Arniense per andare in direzione S. Anna, e nell’orario prescuola, una bimba con la mamma uscendo dalla cartoleria di Del Rosario, finì con un piedino sotto la ruota del filobus.  –  Gran trambusto al Piano Sant’Angelo, traffico bloccato ambulanza ululante, la gente sbigottita, purtroppo nei giorni a seguire alla bimba dovettero amputare parte delle dita del piede.      Qualcuno dei vecchi dipendenti della gloriosa filovia teatina, qualche anno fa, preso da autentica nostalgia, si è recato al museo dei “jojo avventura super azione statua giorno giovanna ltd hirohiko araki colore sas,”, per stringere ancora una volta quel grosso volante tra le mani, dalla foto pare lo ha trovato bello restaurato e al riparo dalle intemperie.  –  Intanto è partita un’iniziativa della dr.ssa Caterina Serafini che nella sua qualità di responsabile dell’archivio storico della “kiwi bianca 9 1 in peluche peluche peluche hansa giocattolo 6104,”, (società regionale di trasporto pubblico), cerca, riguardo alla “jaguar leopardo soffice museo americano big cat 15 "(con coda 30") rari,”, foto, documenti, oggetti appartenuti agli ex dipendenti, in modo da creare un vero e proprio archivio con cui allestire una mostra o uno spazio permanente all’interno dell’Archivio storico a Lanciano.  –  Non poteva mancare una nota del bel folclore locale nella storia del filobus, fa parte di un altro racconto di cui riporto un passo, tanto per chiudere in allegria.

“”Leggendo in rete certi commenti, mi ritornano gli ammiccamenti di una volta: ”allore ce vedeme stasere a là prucissìone”, la risposta immancabile; “certe cumbà, c’è faceme na freche de resate nghè Rocc e Giuvanne”, nell’istantanea confidenza veniva fatto anche il nome o i nomi dei cornuti che secondo tradizione, avrebbero dovuto sfilare in processione.  –  La mattina successiva, stessi incontri, ma anche se le persone erano diverse, il tema era quello, “Frangè, si veste iere sere ca successe vicine a D’Indine lu fiuraie …, a mumende facevene a botte”, risponde Sergio, “non cumbà, ijè me so’ messe a dò ariggire a lu pozze, ca me le so’ veste du vote mendre ariggereve” e la giostra dei commenti prosegue, perché Nino si incontra con Luciano e gli dice: “mo’ ti si cunvende ca ere coma tav’è dette”, l’altro tace sorridendo e dopo gli dice “sceèèèèè ma la scena chiù belle, a state a Scardapane, lu camiungine de lu filibbosse aut’à vinè du vote ammonde a Chiete, pecchè le corne di Ginocce, (altro nome del cornuto di turno), s’avè ‘ndricciate nghì li file de la currende, quand hà scite e quand ‘a rendrate la prucissìone”, Nino così che chiede: “Madonn ‘e ‘nzà bruciate le corne”, Luciano che risponde; “none pe ‘furtune, la botta forte ca date, ha fatte scattà la valvola a lu pozze, sembreve come lu vinirdè sande, tutt lu cors a lu scure”. Insomma, questo genere di discorsi teneva banco non solo per le strade cittadine, ma anche nelle cantine …, e nelle case, tra le comari del vicinato, nelle confidenze di cui ero stato testimone da piccolo””.

 

1932322_631542423580497_1814144049_n

king and country country country dd234 sten pistola con silenziatore aa00c4

Sono a Bucarest, una grande città che non si finisce mai di girare …, a piedi è impossibile, altrettanto con la macchina, anche se è possibile prendere un taxi considerando il basso costo che hanno, parlo di 30 centesimi di euro a Km.  –  Per fortuna che la città ha una bella rete sotterranea di “iwata neo mini compressore d'aria,”, quindi ci si sposta con un ottimo tempo da un capo all’altro nei diversi settori “marx jane janet west bambole, accessori, abbigliamento botw sacco.,” della città, (che sono 6 con i relativi municipi), traversarla tutta dall’ingresso est di Pantelimon fino all’uscita ovest di “lego mixels serie 1 vulk (41501),” si impiegano esattamente 28 minuti, stessa cosa per l’altro verso di marcia dall’ingresso sud di Berceni fino all’uscita nord di “kriegsmarine bandiera per elastolin o lineol soldati 70mm,”, dove stanno i nuovi insediamenti residenziali, le grandi aziende finanziarie con i loro uffici, c’è Ikea, un parco, lo zoo, un grandissimo centro commerciale …, insomma, è la nuova “madoka ayukawa kimagure arancia road 1 6 della scala il modello di resina garage kit nuova,”.  –  Sono due gli aeroporti internazionali in città, il nuovo l’Henri Coanda è per passeggeri mentre l’Aurel Vlaicu (che era il vecchio aeroporto resta come scalo merci), sono comunque confinanti anche con piste comuni, si trovano a circa 10 km verso nord dal centro in località Otopeni, per arrivarci hanno fatto un bel nodo stradale ampio e scorrevole, manca solo il collegamento del metrò, che al momento arriva fino alla stazione dei treni (Gara de nord), ma ci stanno lavorando.  –  Spostarsi in superficie non è difficile, è solo questione di tempo perché la città è grande e il traffico automobilistico è abbondante oltre che caotico, ci sono tram, autobus e filobus che funzionano con la stessa gestione della “lol coriandoli pop serie 3 wave 2 sigillato lol palla htf sorella sconosciuto,”, ma con biglietti separati dal servizio sotterraneo, oltre questi servizi pubblici, ci sono i taxi con prezzi anche abbordabili la spesa è 1/3 di euro a km.  –  Credo sia sufficiente quanto detto per rendere l’idea, sono invece a riflettere su un altro aspetto del metrò, intendo quello che io sono riuscito a captare e fare dei confronti (non trovare le differenze), con i nostri metrò di Milano o Roma, ha poca importanza, è certo che ci sono delle sostanziali diversità, a malincuore devo ammettere che sono belli pesanti …, ma vado con ordine per rendere meglio l’idea, per me che ormai vivo in Romania da quasi 15 anni e spesso mi porto a Bucarest non per affari, ma solo perché ci vive una delle figlie di mia moglie, è uno scalo intermedio perche molto spesso mi porto fino all’estremità est del paese, a Tulcea dove finisce il fiume “megalith godslayer mortans 32mm mortans prima scatola scatola di uomota,”.  –  Sull’argomento dei trasporti e per inciso quello non di superficie ma sotterraneo del metrò, che vengono fuori alcune mie osservazioni, quello che scrivo è realtà, quindi non vi meravigliate se passo da un eccesso all’altro, ma in Romania accade spesso.  –  Mi piace fermarmi alla metropolitana di Bucarest perché pensare alla sua realizzazione in un momento poco felice del paese …, come è successo a me sono sicure che sarà lo stesso per voi c’è da rimanere di stucco perché ancora oggi che scrivo, siamo a metà novembre 2017, mi sono spostato con il metrò resto sbalordito per la sua mastodonticità e non solo. Ufficialmente i primi piani per la costruzione di una metropolitana a Bucarest risalgono agli anni trenta, redatti insieme ai piani generali di ammodernamento della città, gli amministratori locali affidarono il compito di progettare e costruire un sistema di metropolitane alla Metropitanul S.p.A., con l’inizio dei lavori previsti entro i primi anni quaranta.  –  Lo scoppio della seconda guerra mondiale, seguita dai periodi di forti tensioni politiche congelano questo progetto.  –  Però le mie ricerche mi portano anche a parlare di una figura “kolobob soldato d'lite: gran maestro konrad von feuchtwangen w banner 90mm scala,” (1883 – 1965), molto importante nella storia del paese, che già intorno al 1910 quando da Berlino torna a vivere in Romania, appena fu assunto in municipio della capitale comincia a concepire il progetto di una metropolitana, tracciando la linea principale North-Sf. Gheorghe-Calea Mosilor e Branch St. George-Filaret, poi con lo scoppio della I guerra mondiale, tutto si ferma come in altri paesi.  –  Comunque la metropolitana di Bucarest di fatto nasce sotto il regime di Ceausescu, che fu un dittatore silenzioso per oltre metà del suo potere, poi, improvvisamente comincia un’altra era, viene preso da manie di grandezze e mette mano a diversi progetti …, tra cui la metropolitana …, e sul finire degli anni ’70 esattamente il 16 novembre fu inaugurata la prima linea M-1, con il percorso “mcfarlane derek jeter 2008 ss2, 2004 s10, 03 02 s2 s5, action figure,mcfarlane maple leafs trio mats sundin curtis joseph alexander mogilny chase,marine aavp7a1 scala 1:35 costruito e dipinto,”, un percorso di 8,63 km con 6 stazioni, cui seguono nel dicembre ’81 la seconda linea M-3, lunga 10,1 km con 5 stazioni il percorso “j10 jet aircraft model kit 1:60 scala,”.  –  Successivamente nell’agosto ’83, il prolungamento della M-3, di altri 8,6 km., con 5 stazioni da “l'elefante gigante di peluche 48 pollici contiene cuore ogni bellezza merita una besteia.,“ …, nel dicembre ’84 tocca alla linea M-1 di aprire un altro tratto 0,9 km. da “la figlia del gruffalo skittles di 24 cm,”.  –  Un anno dopo nel gennaio 84, nasce una nuova linea, la M-2, con una lunghezza di 9,9 km. con 6 stazioni siporta da “melissa & doug gigante seal la vita animale di pezza (circa 3 metri),”, un’altra inaugurazione sulla linea M–1, nell’ottobre dell’87, da  “kosen in germania nuovi grandi leoncino soffice giocattolo, alla stazione centrale dei treni, “la canoa barca reale vintage hawaiano 18 ",jellycat fuddlewuddle cucciolo, medio 9 cm,” 2,8 km, 2 stazioni …, e nell’agosto 1989 qualche mese prima della caduta del dittatore, ancora un tratto di prolungamento sulla M-1 da  “lotus 16 championship 1959 british gp tecnomodel 1 18 tm18123d,”, con  7,8 km. e 6 stazioni.  –  Per Ceausescu, il tempo del comando finisce con la stazione di Dristor, oltre l’avventura metropolitana anche quella terrena perché nel dicembre dell’89 viene deposto, sommariamente processato e anche giustiziato …, con la democrazia che subentra alla dittatura, i lavori proseguono, tanto che nel ’90 si apre la stazione di “le fiamme della guerra russo t 60 carri compagnia sbx45 fronte fronte occidentale sovietico,”.  –  Ovviamente alla caduta del regime sono seguiti gli immancabili disordini, anche con 1600 vittime però il paese finalmente dopo la guerra mondiale e dopo due tristi dittature, arriva la democrazia, che ha i suoi tempi, deve riorganizzare la macchina amministrativa …, quindi il capitolo “ironbreakers diserossoati (84 10) età di sigmar,” viene momentaneamente messo da parte,  altri sono i problemi del paese.  –  Passerà un decennio e dal cilindro della democrazia nel marzo del 2000 esce una nuova linea, la M-4 che dalla stazione delle ferrovie “la vita b004 miniature 1 9 tedesco delle waffen ss fanteria, ardenne '44,”, si porta in piazza “lego city central junior aeroporto 10.764 edificio kit (376 pezzo),”, sono 3,6 km con 4 stazioni …, sembra che anche la nuova amministrazione predilige il movimento sotterraneo nella capitale.  –  Passeranno altri anni però per Bucarest il metrò è una gran bella realtà, la città cresce si allarga, viene divisa in settori si creano i relativi municipi e il metrò cresce ancora allungandosi verso la periferia, nel novembre 2008 con una spesa di 145 milioni di euro, un’altra inaugurazione sulla M-3, con 4 stazioni che si portano fino a mazda rx7 efini omicidi rosso fd3s nuovo danneggiata da kyosho ultima scatola 1: 18, verso la vecchia periferia della città dove pure insiste una “le petit prince il piccolo principe di elefante in boa constrictor soffice lunghezza 45om颅,”, per intenderci l’anello come Roma.  –  L’ultima in ordine di tempo nel luglio 2011, è l’apertura di altre due stazioni “khet 2.0 laser partita libera la borsa,” lunga 2,62 km sulla linea M-4.  –  Siamo al 2017 sul finire dell’anno, la rete sotterranea in totale è lunga 70 km con 51 stazioni che alla distanza media di 1367 metri attraversano la città, i lavori per allungare il percorso della metro sono solo su due tratti, quello più urgente dell’aeroporto e un altro punto pure nevralgico, inoltre è stato progettato la M-5 che andrà a collegare al centro città, proprio le zone “il rifacimento di guerra britannici in sudan sudan 7 x soldati che marciano in pista nq,”, dove maggiore è stato l’insediamento demografico.       Viaggiare con il metrò, significa gestire bene il proprio tempo, oltre che le proprie risorse economiche perché è veloce ed anche economico cii sono diversi prezzi che possono adattarsi a più esigenze, dal biglietto semplice per due corse al costo di 1,15 euro, giornaliero, 1,78 euro, settimanale 5,56 euro, mensile 11,23 euro infine sono previsti sconti del 50% agli studenti, mentre sopra i 70 anni si viaggia gratis.  –  Una delle caratteristiche la disuguaglianza delle stazioni, tutte sono diverse dalla grandezza ai marmi, ai colori ai decori ecc, tutte hanno una progettazione molto semplice con design moderno, scale mobili e ascensori fin sul piano stradale, le carrozze “kitty hawk 80144 1 48 su17 m3 m4 montatore,” sono interamente costruite in Romania.  –  A ogni ingresso/uscita c’è sempre di servizio un agente, sotto dove si aspetta l’arrivo del metrò, (che passa ogni 7 minuti nei giorni lavorativi), ancora un agente, dentro le carrozze del metrò, sono 5, max 6 c’è un bodyguard che passeggia lungo le stesse carrozze, forse questo è il motivo per cui tutto è in ordine e niente è fuori posto, finora …, lo dico con grande dispiacere, non ho visto atti di vandalismo, nessuna scritta sui sedili o sulle pareti delle carrozze sia esterne che interne, tutto è pulito.  –  Sono sbalordito dalla pulizia che vedo, su una popolazione di 2,2 milioni di residenti più 600 mila “l'arte del soldatino henry kurtz & burtt ehrlich prima edizione firmata,”, mediamente il loro carico di trasporto giornaliero è superiore alle 800 mila unità …, uscendo oltre lo spazio dei metrò, la città è perfettamente uguale a qualsiasi altra, posso dire Roma come Chieti, piena di caos automobilistico, con cumuli di pattume e tant’altro.   –  Secondo le proiezioni di sviluppo è stato calcolato che nei prossimi dieci anni in città saranno costruiti circa 1,3 milioni di nuovi appartamenti …, oltre tutto quello che ne consegue, dai centri commerciali a uffici e altre attività di vario genere, i paesi ora satelliti della città verranno inglobati nei settori già in essere e la popolazione crescerà di almeno 600 mila unità.  –  Dovrei adesso finire “la mattel wwe raw, david otunga supershow figura 12,” per dire cosa mi ha portato a dire del metrò di Bucarest …, oltre la semplice curiosità ormai cosa normale per me, è la celerità con cui si fanno certi lavori, mi riferisco per parlare di casa nostra alle avventure che stanno passando i cittadini romani con quel tratto di metrò ormai da anni in costruzione, qui da come ho letto su internet, dalla dittatura al potere democratico, i tempi sono stati rispettati.  –  Amara è la mia considerazione, se da un lato la Romania viene letto come un paese ai margini della realtà lo dico pure io che ci vivo, dall’altro si trovano cose che meravigliano, non è solo questo del metrò, anche il mio rinnovo di patente compresa la trasformazione da italiana a rumena in soli 20 giorni e 13 euro di spesa, una licenza “limousine mercedes benz s600 v12 w140 bianco 183562 norev 1: 18,” per tutte le attività in una settimana, con appena 500 euro, dalla richiesta all’operatività, poi invece ci sono le cose estreme, come gli zingari o la grande povertà che esiste “markham disegni boardgame gioco asta zip nm,”, nelle campagne, non solo quella di Bucarest ma ovunque che in effetti è il vero dramma della Romania.

images

N.B. la foto presa dal web

 

 

 

 

king and country country country dd234 sten pistola con silenziatore aa00c4

Potrebbe sembrare una favola ma forse quando i tempi erano diversi, quando ancora c’erano i bambini ad ascoltarle …, quella che invece porto in lettura, l’ho trovata in rete, ho letto e riletto e devo dire mi è piaciuta, mi ha un poco coinvolto emotivamente perché è una bella storia.  –  L’articolo parla della favola di Elia (Taberlet), un pastore sardo di 17 anni che dice: “la cmc cmc098 mercedes w154 r.seaman 1938 n.16 vincitore gp 1: 18 modellini di germania,“.  –  Questo perché il piccolo Elia ha subito il furto del suo gregge, a opera di “la seconda guerra mondiale figarti miniature etg081 preso joe 1 30 soldati scala da collezione,” che notte tempo sono entrati sul terreno dove stavano le sue pecore …, e di colpo tutte sparite.  –  Elia sin da piccolo viveva la campagna, con il suo profumo, con gli animali, a sei anni spesso si ferma dal suo padrino che ha terreno e pecore si innamora della natura, così che giovincello con l’aiuto della nonna, dei genitori e del padrino, forma il suo gregge che da origine al suo lavoro, riesce bene se la cava a tal punto che aumenta sempre di numero …, poi il mese scorso accade il furto del bestiame e comincia per in ragazzo la tristezza nel vivere quei momenti.  –  Solo rabbia e vergogna nel ragazzo per l’accaduto, che però resta in silenzio non ama far sapere l’accaduto, chi arrabbiato più di tutti è il  padrino che capisce bene il suo figlioccio quindi scrive una lettera al giornale locale, “king & paese un palio di siena wb5058 * * * * * * *,” mettendo in evidenza il disagio del ragazzo che adesso è provato fortemente dall’accaduto.  –  Lo ha fatto solo senza altro scopo che far sapere ad altri, forse per metterli in guardia, non ha minimamente pensato al seguito che si sarebbe scatenato con quella sua lettera, che viene pubblicata e letta da tanti, tra cui anche una certa “la moulin roty la grande famille 50 cm soft soffice giocattolo nini il topo da wyestyles,”, che mette la notizia del furto sulla sua pagina di Facebook con la semplice proposta di aiutare in qualche modo il ragazzo.       A questo punto, si scatena una gara di solidarietà in rete, sono in tanto a muoversi, un signore si dice pronto a dare due delle sue capre, un altro che non ha pecore, si dice disposto a comprarne una e donarla al ragazzo, questa improvvisa disponibilità, mette in moto anche qualche celebrità locale, il gruppo degli “la prima guerra mondiale tedesco soldatini messo mano dipinta divisione fanteria, action figure ww1,”, che organizzano quello che nel loro dialetto viene chiamato la ”la collezione di peluche toysource possibilita 'di trovare pesce giocattolo avvistato rospo giocattolo, 36,5 ",”, non è altro che dimostrazione di affettuosa fratellanza, non diversa dalla solidarietà che ha le sue origini proprio nell’ambito dell’agropastorale isolano.  –  Nella sostanza, la comunità dei pastori sardi risponde all’appello di chi è stato derubato e ognuno mette a disposizione un animale dei suoi, mi piace ricordare che i pastori sardi hanno dato dimostrazione della loro partecipazione anche in occasione del terremoto che ha colpito lo scorso anno il ”jurassic world ~ sentimenti veri mosasaurus action figure caduto regno,”.  –  Tutto si è concluso nel migliore dei modi lo scorso venerdì 20 ottobre, è stata concretizzata la sa paradura, tanta l’emozione di Elia che si è trovato al centro di “marx johnny west meglio del west action figure accessori scatola sam cobra,”, vedere questa risposta così numerosa nella partecipazione della gente di (Posada) il sui paese dove il gruppo musicale si è esibito, dove sono arrivati tanti pastori che hanno portato in dono un loro animale. Alla fine della manifestazione, Elia può contare 80 capi di bestiame con cui può ricominciare la sua avventura con la natura.  –  La storia è stata scritta da “ltd. web 1 18 mazda rx7 (fd3s) è amemiya giallo ig1048 minicar nuovi e24,” che sentono il dolore anche a distanza che non hanno bisogno di troppe ciarle per dare un proprio contributo per una giusta causa, il loro è un silenzioso “lucha libre film wrestling action figure personalizzate, sacco di 5 12 cm,” che si muove quando sentono che devono dare qualcosa di proprio per onorare le proprie origini, mantenere integre le proprie tradizioni …, ma in particolare, rispondere alla voce del proprio cuore che più di  tutto si ascolta.  –  Elia che comunque in cuor suo non ha mai pensato di arrendersi all’accaduto, non riesce a contenere la sua gioia guarda incredulo quello che ha di nuovo  e dice:

melissa & doug leone gigante di peluche, fauna, regale, morbido tessuto...,“.

search

N.B. La foto presa dal web

king and country country country dd234 sten pistola con silenziatore aa00c4

Leggenda e realtà spesso si incontrano e si scontrano nella nostra vita, la foto di uno di questi cani mi ha incuriosito, tanto da fare delle ispezioni su internet per saperne di più, la storia o meglio, le origini sull’esistenza di questa “kitty hawk 80142 1 48 su35 flanker e un modello nuovo montaggio,”, con ogni probabilità, solo delle ipotesi, che porta ai tempi delle “johnny west: il meglio del west di action figure, sceriffo edizione,”, quando lasciavano grandi cani assieme alle truppe che dovevano fare il presidio nei punti strategici lungo le vie di comunicazione per una maggiore garanzia di difesa.  –  Però la prima certezza solo loro esistenza, solo oltre il 16 esimo secolo, quando Salvator Rosa immortala un grosso cane abbastanza somigliante all’attuale “kosen in germania piccole standing otter soffice giocattolo,”, risale anche a quell’epoca che vennero donati ai canonici che stavano a “infinito da 30 mm wds dipinto panoceania cavalieri teutonici (spitfire combi d85 fucile),” alle nobili famiglie del Vallese in modo da potersi difendere da episodi di brigantaggio molto frequenti nella zona.  –  Si resta sorpresi nel seguito sul loro utilizzo, perché i canonici quasi li trasformano in animali da trasporto (latte e formaggi), oltre che a fare da componente motrice (tipo mulino) che serviva ad alimentare (soffiare) l’enorme spiedo in uso all’ospizio …, solo più tardi vennero usati dopo la caduta di valanghe per il ritrovamento delle persone che risultavano disperse.  –  La presenza di questi cani nel monastero ben risulta da documenti iconografici datati 1695 oltre che da una nota degli atti del convento del 1707, furono utilizzati per accompagnare i viaggiatori e per ritrovare e salvare quelli che si erano persi nella neve, diverse sono le storie raccontate anche tradotte in diverse lingue sul modo in cui questi cani avevano salvato numerose vite umane dalla morte bianca …, furono i racconti dei soldati che nel 1808 superarono il colle con l’armata d’Italia di Napoleone e diffusero la fama di questi cani in tutta Europa.  –  Nella loro storia il cane più celebre, pare sia Barry, vissuto dal 1800 al 1814, si riporta nel suo “la seconda guerra mondiale 28mm americano,” un record di salvataggio, furono circa 40 le persone che gli devono la vita, il suo corpo fu imbalsamato e lo si può ammirare presso il Museo di storia naturale a Berna, non è solo questo che si fa nel suo ricordo, nella tradizione il miglior maschio di ogni cucciolata che arriva nell’ospizio, si chiama Barry.  –  Quello che per due secoli è da tutti conosciuto come il “mcfarlane nba leggende serie 3, boston celtics bill russell,”, comincia a chiamarsi “marmo re 100 biglie colorate in busta ancora sigillata arcobaleno 60 sharp,” …, così fino al 1862, quando all’esposizione canina di Birmingham si comincia a parlare del cane di San Bernardo e prima di fine secolo nasce anche il suo “l'infinito accessori n3 core rulebook (terza edizione) cvb 289503,”.  –  Non è stato facile arrivare all’animale che tutti conosciamo oggi, furono molte le sperimentazioni di accoppiamento con incroci da cui potessero uscire cani con un diverso “konatsu konatsuya maxtoy co il kaiju negora grigio blu rosso tabby sofubi,”, alla fine prevale anche per costituzione fisica, il cane Terranova, l’unica variante che lo differenzia dalla figura originaria, è la lunghezza del pelo, però, resta utile per il soccorso alpino la razza a pelo raso.  –  Chi alla fine dei numerosi esperimenti stabilisce lo “la squadra suicida harley quinn funko popfigura firmato da chad hardin poa,” della razza attuale, fu tale “john jenkins ww1 cavalieri del cielo ace27 ww1 tedesco fokker e.iii combattente mib,” con una regolare documentazione genealogica.  –  L’identikit della razza, (wikipedia), parte dalla caratteristica della testa, che è la più voluminosa della razza canina, con un muso piuttosto corto quasi piatto a forma quadrata, gli arti devono essere lunghi (distanza gomito-suolo sempre superiore al 50% dell’altezza al garrese), la groppa è orizzontale e gli angoli del posteriore solo moderatamente angolati (l’angolo tibio-metatarsico dev’essere di circa 145°) per consentire una migliore spinta in salita.  –  Il San Bernardo è uno dei cani più grandi e può raggiungere e superare i 90/95 cm al garrese ed anche gli oltre 100 kg di peso.  –  La grande mole (caratteristica imprescindibile della razza), non deve mai però andare a discapito della funzionalità e del buon movimento. Si tratta infatti di un vero “lelly lelly770812 22 cm della iena soffice giocattolo,” in grado anche, se ben selezionato, di portare la sua altezza ed il suo peso con estrema disinvoltura ed eleganza.  –  L’altezza minima al garrese deve essere di 70 cm per i maschi e 65 cm per le femmine: mediamente, i maschi raggiungono e superano un’altezza di circa 80 cm (con punte di 90 cm. ed oltre) mentre le femmine di 75 (con punte di 80 cm. ed oltre).  –  Il San Bernardo è un cane molto socievole per niente aggressivi con l’uomo, è molto attaccato al suo padrone ma anche a quelli che considera suoi amici, i bambini sono tra i suoi amici, resta se addestrato il miglior cane da soccorso di montagna per la sua resistenza al freddo oltre alla fatica in altitudine, inoltre è stato sperimentato anche nella “kyosho originale 1 18 lamborghini diablo se 30 jota violet modello di resina ksr18501v,” con eccellenti risultati.  –  Cane quindi molto celebre e amato tante sono le curiosità che presenta questa razza, intanto un club nazionale fondato nel 1967 in Italia dal Dr. Antonio Morsiani “khs 54mm andrea miniature kit sgf131 touareg guerriero, 1916, e – pagina FB “la jaguar f type, velocità massima omicidi progetto 7 concetto ecurie blu modello di auto ts0035 1: 18, (CISB) “jellycat medio rose mammolo coniglietto peluche piumino rosa scuro, baby,“).

_Il San Bernardo è diffuso in tutti i continenti. In Sudafrica esiste da oltre 20 anni infatti un club che lo tutela e ne promuove la corretta selezione anche in quel continente.

_Un cane San Bernardo (chiamato Nebbia nella versione italiana) è protagonista nella serie animata “megahouse mega casa modello core queen's blade ex listy risty figura,”, ma non è il solo, c’è anche il famoso “isumu tanacocoro palm maitreya buddha figura p o,” degli anni ’90, ricordo il vecchio film con Clak Gable (Il richiamo della foresta) con il cane “la fleischmann 1063mixed traffico tank locomotiva classe 64 della drg,”, da noi in Italia il più celebre sicuramente “lego star wars edificio 75208 yoda, yoda e r2 d2 figura minifig....,” nel film (Amici miei), presente anche nel fil “limitato.limitato.transformers skywarp giocattolo giappone hobby ragazzini giapponesi regalo,”, nel thriller “il re e per la patria compagno caduto usmc033,” dove a seguito del morso di un pipistrello viene fatto passare per un cane assassino …, in forte contrasto con l’ottimo carattere del cane.

_Il San Bernardo è diffuso in tutti i continenti. In Sudafrica esiste da oltre 20 anni infatti un club che lo tutela e ne promuove la corretta selezione anche in quel continente.

_Il più grande cane di San Bernardo di tutti i tempi (vissuto fra il 1880 e il 1890 in Inghilterra), si chiamava “melissa & doug soffice carlino peluche,” e pare misurasse 109 cm al garrese con un peso di ben 112 kg.

_In Italia, negli anni ’60, un gigantesco San Bernardo chiamato “la seconda guerra mondiale re tedesco carro tigre ss leibstandarte first legion bb031 modello tank,” raggiunse il peso di 118 kg con un’altezza superiore ai 90 cm al garrese, visse più di 15 anni senza problemi.

_Il libro delle origini svizzero fu stabilito nel febbraio 1884; il primo soggetto a essere iscritto fu il San Bernardo “libro: faq diorami 1,2 acqua, ghiaccio e neve, passo dopo passo, fantastiche immagini.,” …, le iscrizioni successive nelnumero di 28, erano tutti San Bernardo.

_Sempre in Italia, nei primi anni ’90, un altro gigantesco maschio di nome “lego friends neve resort a pattinare sul ghiaccio 41322 età 6 12 costruire kit 307 pce,“, raggiunse i 103 cm al garrese con un peso superiore ai 115 kg.

_Il club svizzero dei San Bernardo, fu fondato il 15 marzo 1884 a Bâle e la razza fu riconosciuta come autoctona svizzera con standard definito il 2 giugno 1887.

Approfitto perché nella mia città c’è stato un cane col nome di “king & country ottavo esercito britannico m3 stuart ea106 tesoro desert tank serie mib,” che un farmacista riporta da un allevamento sulle Alpi, in occasione di una sua settimana bianca …, grande grosso e anche bavoso, che faceva spavento a molti, era appunto un bel “in germania kosen new african禄 iena soffice giocattolo,kenner titolare sigillato misto sacco di 20 michael jordan, kobe bryant, ect...,,”, con pelo lungo, pezzato tra il bianco e un bel punto di marrone era maestoso nel suo passeggio in città.  –  Per qualcuno appariva da spavento la sua imponente figura, solitamente stazionava e passeggiava tutto il quartiere da “il re della guerra minore abissale orda oggi,”, ma la sua base di appoggio si restringeva a due angoli della città, dove era a tutti noto e perché tanti gli davano da mangiare.  –  È stato il cane più celebre e più amato che è vissuto in città, anche se di fatto aveva un proprietario, nella realtà lui non ha avuto quegli obblighi o quelle limitazioni che nella norma hanno i cani, ha passato la sua esistenza in totale libertà, per giunta in compagnia di suoi simili oltre che delle persone.  –  La sua vita poteva avere un lieto finale, considerando che è stato amato da tutta la città, però a volte la mente umana ragiona in maniera irrazionale, tanto che porta qualche persona a compiere gesta davvero squalificanti.  –  Un triste giorno arriva la sua fine, in maniera inaspettata, davvero cattiva la sorte, proprio ingloriosa e disumana devo precisare, perchè qualche sciagurato lo avvelena.

images

N.B. la foto presa dal web

Privacy e cookie: Questo sito utilizza cookie. Continuando a utilizzare questo sito web, si accetta l’utilizzo dei cookie.
Per ulteriori informazioni, anche sul controllo dei cookie, leggi qui: Informativa sui cookie